Galería Estoy Llorando

Cuzco, Perú 2017

Español      Ingles


 

Alessandro_Cinque01.jpgAlessandro_Cinque02.jpgAlessandro_Cinque03.jpgAlessandro_Cinque04.jpgAlessandro_Cinque05.jpgAlessandro_Cinque06-c57.jpgAlessandro_Cinque07.jpgAlessandro_Cinque08.jpgAlessandro_Cinque09.jpgAlessandro_Cinque10.jpgAlessandro_Cinque11.jpgAlessandro_Cinque12.jpg

® Alessandro Cinque

 

“Viaggio intimo Cuzco, Perù” è stato il primo seminario di Ernesto Bazan a cui ho partecipato; è stato un mio sogno per molti anni e infine nel maggio 2017 l’ho realizzato.
È stata un’esperienza di vita vera che mi ha insegnato nuove prospettive per catturare la realtà, diverse da quelle a cui sono stato abituato. C’erano molti altri grandi fotografi con me e mi sono arricchito a parlare con loro e confrontare il mio modo di vedere la fotografia con i loro.
Ogni giorno, infatti, abbiamo avuto un momento per discutere di immagini che abbiamo realizzato il giorno prima e grazie alle critiche di Ernesto abbiamo imparato a scattare foto che “vanno oltre” la visione tradizionale del mondo. I suoi insegnamenti sono stati molto preziosi per me e comprendono tutte le diverse parti che compongono un fotografo. Hanno influenzato profondamente me e il mio modo di lavorare.
Una delle cose che ho apprezzato soprattutto è la sua capacità di raccontare storie e di scegliere la migliore immagine da includere all’interno della storia, oltre, naturalmente, alla sua abilità totalmente sorprendente per catturare la realtà all’interno del quadro e offrire una perfetta composizione armonica.
Abbiamo trascorso giorni incredibili che ci univano al paesaggio della Valle Sacra, siamo stati in montagna e abbiamo fatto passeggiate meravigliose. Durante le giornate abbiamo scattato le foto e abbiamo sviluppato i nostri progetti in corso aiutati dal confronto tra noi e dal sostegno di Ernesto.
L’esperienza è stata per me molto interessante anche perché mi ha insegnato un nuovo modo per programmare la mia vita professionale, essere più a contatto con la natura e il suo ritmo; Non sono la stessa persona da quando sono tornato. Ho profondamente sentito la spiritualità del luogo, il contatto con gli elementi principali della natura e ho riscoperto la loro importanza primaria, soprattutto per quanto riguarda le persone che vivono nei villaggi.
Ho molta nostalgia dei giorni trascorsi insieme e ringrazio Ernesto Bazan per avermi fatto scoprire un nuovo modo di scattare fotografie, quello che da adesso credo sia vero e corretto. Ernesto è un grande fotografo e sono contento di essere uno dei suoi amici.

Alessandro Cinque

 


 

calvin_c1.jpgcalvin_c2.jpgcalvin_c3.jpgcalvin_c4.jpgcalvin_c5.jpgcalvin_c6.jpgcalvin_c7.jpgcalvin_c8.jpgcalvin_c9.jpgcalvin_c10.jpgcalvin_c11.jpgcalvin_c12.jpgcalvin_c13.jpgcalvin_c14.jpgcalvin_c15.jpgcalvin_c16.jpgcalvin_c17.jpgcalvin_c18.jpg

® Calvin Chen

 

Può richiedere mesi a Ernesto, forse anni, per esaminare le foto che ha scattato. Scattando ancora con la pellicola fa parte del processo stesso. Ma parte di tutto ciò è la convinzione che il tempo è essenziale per separarsi dal momento dello scatto. Il tempo e la pazienza sono ciò che è necessario per avere chiarezza.
Poiché sono passati mesi dal mio ultimo workshop peruviano e sono passati anni dal mio primo corso con Ernesto, una cosa che mi è diventata sempre più chiara… sto diventando sempre di più una persona più spirituale.
Come si può non sentire la spiritualità tra i pastori in terre che sono rimaste intatte nel tempo? Come non sentire la spiritualità osservando le mani di coloro che lavorano le miniere di sale? Come si può non sentirsi spirituale entrando in case sconosciute e avere offerto il loro cibo?
E come non si può diventare spirituali, quando l’obiettivo di ogni giorno è quello di scattare una foto che “vada oltre”? Tale obiettivo può essere realizzato solo con la ferma convinzione che ci sia … qualcosa che vada al di là.
E così è diventato un viaggio spirituale con i compagni che sono benedetto di chiamare amici. Un cammino che diventa sempre più ricco e profondo con il passare del tempo…

Calvin Chen

 


 

Chad_Anderson_1.jpgChad_Anderson_2.jpgChad_Anderson_3.jpgChad_Anderson_4.jpgChad_Anderson_5.jpgChad_Anderson_6.jpgChad_Anderson_7.jpgChad_Anderson_8.jpgChad_Anderson_9.jpgChad_Anderson_10.jpgChad_Anderson_11.jpgChad_Anderson_12.jpgChad_Anderson_13.jpgChad_Anderson_14.jpg

® Chad Anderson

 

Seduto nell’aeroporto di Lima con una sosta di 5 ore, Pink Floyd (Il Muro) e un piatto di Aji de Gallina. Sono appena terminati altri dieci giorni di magia negli altopiani del Perù. Continuo a essere attratto da questa valle sacra. Da questo popolo. Sto di fronte a una porta aperta e dico semplicemente: “Hola, posso entrare?” Non una volta mi è detto di no. Sanno che sono lì per fotografare, è un atto d’intrusione, ma mi lasciano entrare sempre. Hanno poco, ma mi offrono ciò che hanno. Succede la stessa cosa nei campi o con i greggi in montagna. Come Americano mi sono costruito un muro, queste persone semplicemente non ce l’hanno.
Non credo che questi viaggi con Ernesto siano una vacanza, ma quasi un lavoro. Non sono una fatica, ma piuttosto uno sforzo che ti porta a sentirti realizzato. Sono cinque o sei le foto che trasmettono la bellezza della vita quotidiana in queste montagne e valli. Alcune fotografie che rivelano una vita che scompare nella modernità. Sono preziose per me.

Chad Anderson

 


 

Eizabeth_Desmarais_01.jpgEizabeth_Desmarais_02.jpgEizabeth_Desmarais_03.jpgEizabeth_Desmarais_04.jpgEizabeth_Desmarais_05.jpgEizabeth_Desmarais_06.jpgEizabeth_Desmarais_07.jpgEizabeth_Desmarais_08.jpgEizabeth_Desmarais_09.jpgEizabeth_Desmarais_10.jpgEizabeth_Desmarais_11.jpgEizabeth_Desmarais_12.jpgEizabeth_Desmarais_13.jpgEizabeth_Desmarais_14.jpg

® Eizabeth Desmarais

 

Per anni ho sentito dire grandi cose sui workshop di Ernesto Bazan. Quest’anno ho finalmente avuto l’opportunità di unirmi con lui a Cusco in Perù, e l’esperienza vissuta ha superato tutte le mie attese!
Ci ha portati in alcuni posti incredibili. Le persone nei vari villaggi che abbiamo visitato ci hanno accolto nelle loro case permettendoci di fotografare la loro vita quotidiana. Ernesto mi ha portato fuori dalla mia zona di comfort e le sue critiche quotidiane sono state estremamente costruttive e preziose.
Vorrei anche ringraziare i miei compagni di viaggio, che nella maggior parte dei casi avevano già studiato con Ernesto, per avermi sostenuto e fatto sentire parte del gruppo.

Grazie per questa esperienza straordinaria, e non vedo l’ora di poter lavorare nuovamente con Ernesto in futuro.

Elisabeth Desmarais

 


 

Linda_Hollinger_01.jpgLinda_Hollinger_02.jpgLinda_Hollinger_03.jpgLinda_Hollinger_04.jpgLinda_Hollinger_05.jpgLinda_Hollinger_06.jpgLinda_Hollinger_07.jpgLinda_Hollinger_08.jpgLinda_Hollinger_9.jpg

® Linda Hollinger

 

Questo è stato il mio quarto workshop con Ernesto e la mia prima volta a Cusco nella Valle Sacra in Perù. Le montagne maestose e i paesaggi mozzafiato hanno superato le mie aspettative. E’ stato veramente un workshop magico e spirituale, non solo nell’insegnamento fotografico, ma anche un’esperienza di vita che ti spinge al di là dei tuoi confini.
Grazie Ernesto per la tua instancabile energia nell’organizzazione dei tuoi numerosi workshop durante tutto l’anno, e per condividere con i tuoi studenti le destinazioni sorprendenti che ritorniamo a fotografare anno dopo anno. Grazie per la tua guida, la tua saggezza e l’ispirazione.
E’ stato bello vedere facce familiari e incontrare nuovi studenti. Grazie Calvin, Sandra, Monica, Elizabeth, Milton, Chad, Massimo e Alessandro. Mi è piaciuto il tempo che ho trascorso con tutti voi e ho imparato molto da tutti! Fino al prossimo workshop!

Linda Hollinger

 


 

massimo_bortolan_01.jpgmassimo_bortolan_02.jpgmassimo_bortolan_03.jpgmassimo_bortolan_04.jpgmassimo_bortolan_05.jpgmassimo_bortolan_06.jpgmassimo_bortolan_07.jpgmassimo_bortolan_08.jpgmassimo_bortolan_09.jpgmassimo_bortolan_010.jpgmassimo_bortolan_011.jpgmassimo_bortolan_012.jpgmassimo_bortolan_013.jpgmassimo_bortolan_014.jpgmassimo_bortolan_015.jpgmassimo_bortolan_016.jpg

® Massimo Bortolan

 

Ho voluto mettere un po’ di tempo tra la fine del workshop e queste parole, volevo provare a essere più “lucido”. Ecco, la prima cosa che mi viene in mente è che non potrei essere più felice di questa esperienza, fotografica e di vita. In questo mio primo workshop con Ernesto, è stato come vivere in un sogno, molto lontano dalla mia quotidianità. Sono entrato quasi in una dimensione parallela, dove si sono condensate le emozioni più disparate: lo stress mattutino, simile a quello universitario, dove si condividono i lavori del giorno prima, con attese e speranze per un buon risultato, le delusioni per le foto mancate o le gioie per le pochissime riuscite; le incantevoli e faticose giornate nei paesini e nelle remote valli insieme agli studenti, le meravigliose persone del posto. 

Da un punto di vista fotografico, si cresce molto. Tutti noi studenti, a prescindere se alla prima esperienza o alla decima, siamo cresciuti, perché ogni giorno con severità si puntava sempre all’eccellenza, alla “quintessenza”, all’emozione, alla purezza della fotografia, senza voler accattivare o stupire ad ogni costo. Tanti insuccessi, e qualche miracolo. Sì, perché s’impara come una grande fotografia sia in realtà sempre un miracolo, un dono, più che il risultato di una buona intuizione, di un buon occhio e di una buona impostazione della macchina. S’impara però come provare a “incoraggiare” il miracolo, a evitare gli sguardi consapevoli, o gli elementi di disturbo (maledetti cappellini e orologi e maglie a righe colorate!), s’impara ad attendere o a essere più reattivi e recettivi, a puntare alla semplicità. 

Ogni giorno, per molto tempo, non facevo una foto minimamente interessante, e quindi a volte c’era delusione. Ma poi impari che questo meraviglioso mondo ti può regalare una sorpresa dietro ogni angolo, e che in un minuto tutto può cambiare, specie se non te lo aspetti. 
Ho capito che continuerò a fare tante foto sbagliate (ma le fanno tutti, anche Cartier-Bresson e Webb! E anche Ernesto, quindi ci si consola.), ma sto imparando a capire meglio quando e perché una foto funziona davvero, e quando invece c’è un qualcosa che la distrugge, quindi magari da lasciare fuori in fase di scatto. E la strada per capirlo sempre di più è ancora lunga! Rendersi conto di queste cose, secondo me, fa tutta la differenza del mondo in fotografia. 

Tuttavia la componente fotografica è (azzardo e un po’ esagero) solo un pretesto. Già, perché i dieci giorni sono indimenticabili per il clima che si crea con Ernesto e noi studenti. Si vive insieme a splendide persone, ognuno con la sua storia, le sue felicità e i suoi problemi, si parla, e si discute, e si ride, si mangia (bene), e si scatta insieme, ci si confronta sulle foto e s’impara l’uno dall’altro, ci si aiuta, e si condivide il cibo, si crea insomma una piccola famiglia. Poi si entra in contatto con la gente del luogo, meravigliosa e ospitale, generosa, umile, e fiera, insomma, unica. 

Alla fine, sono convinto che ogni studente che si approcci a questa esperienza con la giusta dose di umiltà, determinazione ed entusiasmo, poi voglia a tutti i costi tornare. Così è stato per me.

Grazie (ordine alfabetico!) Alessandro, Beth, Calvin, Chad, Linda, Milton, Monica, Sandra, e grazie alla dolcissima Sissy, a ripensare ai giorni insieme “estoy llorando” davvero, mi mancate. Ernesto, un GRAZIE gigante e speciale per quella che è stata, come ti ho detto di persona, una delle esperienze migliori e più importanti della mia vita. Grazie per quanto mi hai insegnato e trasmesso.

Max Bortolan

 


 

milton_zambrana_01.JPGmilton_zambrana_02.JPGmilton_zambrana_03.JPGmilton_zambrana_04.JPGmilton_zambrana_05.JPGmilton_zambrana_06.JPGmilton_zambrana_07.JPGmilton_zambrana_08.JPGmilton_zambrana_09.JPGmilton_zambrana_10.JPG

® Milton Zambrana

 

Un altro fantastico workshop tra montagne e umiltà. La fotografia si perde di vista a volte, e solo “Esserci” ruggisce in prima linea. Essere tra amici, essere in un posto dove succedono tante cose. Essere umile, essere vulnerabile. Sì, la fotografia migliora durante le difficili sessioni di editing del mattino e alla fine solo le immagini essenziali sopravvivono. Imparare a lasciare che la vita ti afferri per mano e ti conduca a qualcosa di nuovo, qualcosa di effimero, qualcosa di poetico che avrà una vita dentro di noi per molto tempo è l’esercizio principale in questo workshop. La magia si viene a creare grazie ad ognuno di noi che arriviamo al workshop con esperienze diverse. Sono grato a ciascuno dei miei compagni di viaggio, a Ernesto, Sissy, e per avere avuto l’opportunità di vedere la magia rivelarsi ancora una volta. Estoy Llorando.

Milton Zambrana

 


 

Monica_Jimenez_01.jpgMonica_Jimenez_02.jpgMonica_Jimenez_03.jpgMonica_Jimenez_04 .jpgMonica_Jimenez_05.jpgMonica_Jimenez_06.jpgMonica_Jimenez_07.jpgMonica_Jimenez_08.jpgMonica_Jimenez_09.jpgMonica_Jimenez_10.jpgMonica_Jimenez_11.jpg

® Monica Jimenez

 


 

sandra_pereznieto_cusco_01.jpgsandra_pereznieto_cusco_02.jpgsandra_pereznieto_cusco_03.jpgsandra_pereznieto_cusco_04.jpgsandra_pereznieto_cusco_05.jpgsandra_pereznieto_cusco_06.jpgsandra_pereznieto_cusco_07.jpgsandra_pereznieto_cusco_08.jpgsandra_pereznieto_cusco_09.jpgsandra_pereznieto_cusco_010.jpgsandra_pereznieto_cusco_011.jpgsandra_pereznieto_cusco_012.jpgsandra_pereznieto_cusco_013.jpgsandra_pereznieto_cusco_014.jpg

® Sandra Pereznieto

 

Ritornando alla Valle Sacra, camminando sulle montagne quechua mozzafiato, sentendo che la Pacha Mama accoglie i nostri passi, guidando la nostra strada in una terra Inca antica suona come una frase da un sogno, una molto vicina al mio cuore.
 Il nostro cammino va alla ricerca della poesia nella vita quotidiana, il modo in cui ognuno di noi si sforza di andare oltre, cercando di toccare con le nostre anime ciò che è veramente importante: la semplicità di una comunità piena di sentimenti e di un patrimonio che è stato ammirato per secoli, che cerchiamo di rivelare con le nostre immagini e, speriamo anche, con i nostri cuori. E’ difficile come riuscire nel tentativo di comprendere ciò che c’è realmente dietro la maschera dell’ordinario.
Ernesto è sempre il mago che guida la strada verso un luogo magico. I suoi insegnamenti onesti ed esigenti ci aprono gli occhi a ciò che diventa poesia in un’immagine, o ciò che non ci riesce. Inoltre Ernesto apre le nostre anime e ci incoraggia a connetterci a questa terra e al suo popolo, alla bellezza della loro vita estremamente semplice, a una comunità che vale la pena ammirare e, in generale, alla bontà della vita e dell’anima umana.
 Camminando insieme ci sentiamo come una famiglia estesa, con tutte le risate, le emozioni condivise, il pianto che ci può catturare tra un’immagine e l’altra, trovando a poco a poco immagini che potrebbero rimanere con noi per molto tempo e amicizie che riempiranno i nostri cuori fino a quando possiamo aprire le nostre braccia ad un abbraccio onesto, lungo e caldo e godere della comune passione per la fotografia. E anche se tutti sappiamo che solo alcune di queste immagini perdureranno per tutta la vita, il viaggio per avvicinarsi a rivelare ciò che tocca veramente le nostre anime merita il percorso da seguire.
 
Così, ancora una volta, torno a casa, esausta e soddisfatta del duro lavoro fatto e toccata dal calore dei miei carissimi amici: Calvin, con la sua camminata silenziosa; è sempre un onore condividere gioie e sacrifici, e imparare da lui e dalle sue immagini, un uomo con un dono così incredibile nel trovare poesia in ogni scatto, e un caro amico onesto; Ernesto, un vero amico e un mentore, Avere avuto il privilegio di vedere la prima copia di “Before You Grow Up“, un libro intriso d’anima che è stato concepito davanti ai nostri occhi, e di poter sentire una parte piccola e potente al contempo in queste pagine, un libro dedicato all’amore e alla fotografia.
Camminare con Ernesto, non solo attraverso la sua amata terra quechua, ma anche attraverso la vita e la fotografia, è già una gioia in sé. E’ anche una buona scusa per rivedere buoni amici come Monica e Chad, con i quali ormai ci siamo goduti numerosi workshop assieme, e condividere con loro la durezza e i sacrifici che bisogna fare per sentire l’emozione di una buona immagine, di sentire che cresciamo insieme grazie alle immagini degli e della nostra amicizia, e di incontrare altri amici nuovamente, Linda, Milton, e percorrere un percorso insieme, e godere l’energia vitale di nuovi amici, Massimo, Alessandro, Beth. Tutto ciò ci fa sentire come una grande famiglia, che ha un suo significato, e che parla dell’essere assieme, del nostro amore per la fotografia, l’onestà e l’amore. Mi mancherà tutto ciò fino alla prossima volta.

Sandra Pereznieto

 


Torna alle Gallerie 2017

Share