Galleria Door Slammers Easter

Sicilia, Italia 2015

Español       Ingles


 

01_anthony_delgado.jpg02_anthony_delgado.jpg03_anthony_delgado.jpg04_anthony_delgado.jpg05_anthony_delgado.jpg06_anthony_delgado.jpg07_anthony_delgado.jpg08_anthony_delgado.jpg09_anthony_delgado.jpg10._anthony_delgadojpg.jpg11_anthony_delgado.jpg12_anthony_delgado.jpg

® Anthony Delgado

 

Innanzitutto il cibo. La pasta col pesce e il duetto di scampi e gamberi e pistacchi al ristorante Due Colonne a Favignana. Pane con pomodoro e pecorino, e una grande tazza di caffè italiano per prima colazione.
La festa culinaria preparata da Giorgio e i suoi genitori alla fine.
All’indispensabile Giorgio, che non si è mai perso, sempre puntale – grazie ancora per ricevere il mio bagaglio smarrito.

Ricordo soprattutto l’occhio rapido e infallibile di Ernesto, la sua valutazione chiara, ponderata e corretta delle immagini. Tutto ciò ha fatto si che il workshop sia valso la pena e ha compensato il lungo volo dalla California e le brevi notti a Trapani.
A parte l’esperienza delle processioni, il modo di vedere di Ernesto è la cosa più importante che porterò con me del tempo trascorso in Sicilia. M’ispira ulteriormente a tentare l’impossibile compito di fare una fotografia, di trovare un momento in cui numerosi pezzi della realtà trovino il loro posto in mezzo al caos degli eventi dal vivo per cercare di creare un’immagine espressiva.

Ho avuto il piacere di essere tra un grande gruppo di fotografi e ho provato la gioia di vedere alcune fotografie veramente splendide e il dolore di capire quello che mi sono perso.

Ho fotografato numerose processioni nella mia vita e quello che ho trovato di diverso qui in Sicilia è stato il grande accesso, la possibilità di scattare foto da vicino, cosa non sempre possibile nei grandi eventi, il privilegio di vedere i preparativi e di sentire una connessione personale con la gente, in maniera tale che ho sentito vicine le persone coinvolte nella processione che non erano più partecipanti anonimi. Quello che adesso trovo più affascinante rispetto alle processioni è la collisione strana e, talvolta, umoristica fra il sacro e il profano, il passato e il presente che avviene al suo interno.

La cosa più commovente per me è stata la messa in scena della Passione a Marsala. La rievocazione ha dato agli eventi una realtà e un suo potere, l’idea di come sia stata seguita in tutti questi anni e dei luoghi in cui si è tenuta, e anche una persona non religiosa come me ha potuto sentire questa commozione.
Infine, vedere i pastori e il loro gregge nella campagna di Trapani è stata una delizia inaspettata. Quella zona sembra essere ricca di opportunità fotografiche e cercherò l’opportunità di ritornare.

Anthony Delgado

 



 

01_Brendan_Williams.jpg02_Brendan_Williams.jpg03_Brendan_Williams.jpg04_Brendan_Williams.jpg05_Brendan_Williams.jpg06_Brendan_Williams.jpg07_Brendan_Williams.jpg08_Brendan_Williams.jpg09_Brendan_Williams.jpg10_Brendan_Williams.jpg11_Brendan_Williams.jpg12_Brendan_Williams.jpg

® Brendan Williams

 

Questo è stato il mio primo workshop con Ernesto e speriamo che non sarà l’ultimo! E’ stata anche la mia prima visita della bella Sicilia – un luogo dove spero anche di tornare.

Le mie attese per il workshop sono state completamente superate e ho lasciato la Sicilia non solo con la sensazione che Ernesto mi ha aiutato a fare un passo in avanti con la mia fotografia, ma mi sono anche sentito parte della meravigliosamente creativa comunità fotografica del gruppo.

Ernesto ha editato il portfolio di ogni studente e ha offerto critiche costruttive e consigli su come si potevano migliorate le immagini. L’importanza d’assicurarsi che tutto all’interno dell’inquadratura debba funzionare e apportare, e non distrarre è stato sottolineato, come anche l’importanza dell’auto-selezione per tenere solo le immagini migliori.
La nostra base era una splendida villa in cui ci riunivamo attorno al tavolo per la colazione ogni mattina per discutere i piani della giornata e della vita in generale!

Ogni giorno le nostre foto erano editate e criticate, poi quelle scelte venivano nuovamente riviste e infine Ernesto, alla fine del workshop, ha creato un sequenza fotografica per ogni studente. Ciò ha contribuito che ognuno di noi acquisisse una maggiore consapevolezza sull’importanza dell’editing e della sequenza delle proprie fotografie.
Ernesto ci ha mostrato alcuni dei futuri progetti editoriali su cui sta attualmente lavorando e ci ha invitato a commentarli secondo i nostri gusti personali. Era evidente che ha prestato attenzione a tutti i commenti. Ho apprezzato molto quest’aspetto ed è stata una gioia vedere molte meravigliose fotografie che appariranno nei suoi libri futuri.
Ernesto ci ha detto all’inizio che il workshop sarebbe stato qualcosa di più di una semplice esperienza fotografica – un viaggio nella vita e non si è per niente sbagliato!

Abbiamo cenato con favolosi piatti di cucina siciliana annaffiati da alcuni vini deliziosi, abbiamo scoperto che Ernesto cucina delle ottime paste, abbiamo visitato alcuni luoghi belli e condiviso molte conversazioni interessanti e risate tutti assieme durante i dieci giorni di grande intensità, ma anche divertenti.
Ho imparato come migliorare la mia maniera di fotografare e come selezionare e creare una sequenza ma ho anche conosciuto la Sicilia e ho alcuni nuovi amici.
Tutto ciò mi porta dire che il workshop è stato un grande successo! Grazie Ernesto.

Brendan Williams

 



 

01_daniele_alamia.jpg02_daniele_alamia.jpg03_daniele_alamia.jpg04_daniele_alamia.jpg05_daniele_alamia.jpg06_daniele_alamia.jpg07_daniele_alamia.jpg08_daniele_alamia.jpg09_daniele_alamia.jpg10_daniele_alamia.jpg11_daniele_alamia.jpg12_daniele_alamia.jpg13_daniele_alamia.jpg14_daniele_alamia.jpg15_daniele_alamia.jpg16_daniele_alamia.jpg

® Daniele Alamia

 

Conosco il lavoro di Ernesto ormai dai tempi della sua presenza in Magnum.

Ho amato immediatamente la sua sensibilità e il suo occhio e nonostante siamo entrambi palermitani non ci conoscemmo mai in quegli anni. Io studiavo e lui girava già il mondo fotografando.
E’ stato solo per caso, per il mio desiderio di partecipare a un suo workshop, che ormai diversi anni fa ci conoscemmo e da quell’occasione fortuita è nata un’amicizia fraterna e profonda e fonte di gioia alla quale ringrazio il cielo di potermi “abbeverare”.

Quest’anno il mio sogno si è avverato e la mia partecipazione a questo workshop è stata un vero dono della vita, uno di quelli che devi soppesare bene, quando ti è offerto.
Ho potuto fare esperienza di fotografia e di editing come mai mi era accaduto prima ed ho potuto fare esperienza di autocritica e di lettura fotografica delle immagini.
Ho potuto vivere insieme con altre persone bellissime che hanno sopportato con gentilezza e pazienza le mie immense difficoltà linguistiche ed ho potuto ridere e scherzare (oltre che scattare) insieme a loro. L’aspetto umano e di condivisione infatti è una costante dei workshop di Ernesto che ne aumenta la qualità e la carica umana e di trapasso delle nozioni.

E poi la condivisione con Giorgio Vacirca di tante bellissime esperienze e sensazioni. Grazie Giorgio per la tua presenza e simpatia.
Chiudo ringraziando tutti gli amici del workshop e in particolare Ernesto per la sua sensibilità e professionalità che sa trasmettere con rara umanità.

Grazie a Tania, Linda, Anthony, David, Brendan, Johneth, Maarten, Rosy, Sophie e Jack, Giorgio ed al mio grande amico Ernesto Bazan.

Daniele Alamia

 



 

01_david myers.jpg02_david myers.jpg03_david myers.jpg04_david myers.jpg05_david myers.jpg06_david myers.jpg07_david myers.jpg08_david myers.jpg09_david myers.jpg10_david myers.jpg

® David Myers

 

Oggi sto volando a casa dopo il mio quarto workshop in Sicilia in quattro anni con Ernesto. Ciò significa quaranta giorni fotografando e editando il mio lavoro e quello degli altri studenti. Ciò significa guardare a più di tremila foto selezionate nel corso dei workshop e trascorrere interminabili ore a piedi, guardare, parlare e pensare. Sono però ancora sorpreso di quanto ci sia da vedere in Sicilia e di quanto mi faccia venire voglia di tornare per il quinto anno.

Per me, quest’anno è stato molto diverso rispetto agli anni precedenti. Con l’aiuto di Ernesto sono finalmente arrivato al punto in cui posso capire qualcosa che ad altri dico che faccio da più di quaranta anni: usare la mia macchina fotografica come uno strumento per esplorare e sperimentare. L’ho detto, ma non sono sicuro che abbia mai permesso a me stesso di farlo fino a quest’ultimo workshop. Alla fine, non si trattava di “produrre lavoro” come se avessi ricevuto un commissionato. Ho invece capito che avrei potuto effettivamente far parte dell’esperienza, sondando ed esplorando, cercano di fare alcune buone immagini. Non stavo solamente osservando: stavo vedendo. Non si tratta di avere cinque, dieci, o quindici buone immagini alla fine del workshop. Si tratta di impegnarsi all’interno di un’esperienza e imparare a vedere e a sentire. Ho appreso da Ernesto che per riuscire ad avere alcune buone immagini bisogna andare oltre la semplice descrizione; riuscire a esprimere un punto di vista chiaramente e articolarlo visivamente.

Questo workshop mi ha permesso di vedere che accade molto di più durante la Settimana Santa che le processioni e i preparativi che le precedono. C’è la Sicilia e la sua gente che possono essere portati allo scoperto attraverso il workshop. Sono sicuro che i workshop precedenti avrebbero permesso lo stesso, ma quest’anno Ernesto è stato in grado di aprire i miei occhi e, come gli piace dire, il mio cuore all’esperienza.
Grazie, Ernesto.

David Myers

 



 

01_johneth lim.JPG02_johneth lim.JPG03_johneth lim.JPG04_johneth lim.JPG05_johneth lim.jpg06_johneth lim.jpg07_johneth lim.jpg08_johneth lim.jpg09_johneth lim.JPG10_johneth lim.JPG11_johneth lim.JPG12_johneth lim.jpg

® Johneth Lim

 

Il workshop della Pasqua in Sicilia è stata una grande esperienza di conoscenza. Ha aperto il mio modo di guardare e di scattare foto, di ricercare momenti unici. Ho imparato molto su come selezionare e editare le mie immagini. È stato anche molto bello conoscere tutti i fotografi incredibili che hanno partecipato al workshop e vedere il loro amore per la fotografia.

E ‘stato un bellissimo viaggio in Sicilia e mi sono innamorato del posto. Tornerò ancora se il tempo me lo permetterà.
Ernesto è stato un grande maestro e un amico. Mi ha aiutato a vedere di più e a fare di più.

Johneth Lim

 



 

01_Linda_Omelianchuk.jpg02_Linda_Omelianchuk.jpg03_Linda_Omelianchuk.jpg04_Linda_Omelianchuk.jpg05_Linda_Omelianchuk.jpg06_Linda_Omelianchuk.jpg07_Linda_Omelianchuk.jpg08_Linda_Omelianchuk.jpg09_Linda_Omelianchuk.jpg10_Linda_Omelianchuk.jpg11_Linda_Omelianchuk.jpg12_Linda_Omelianchuk.jpg13_Linda_Omelianchuk.jpg14_Linda_Omelianchuk.jpg15_Linda_Omelianchuk.jpg16_Linda_Omelianchuk.jpg17_Linda_Omelianchuk.jpg18_Linda_Omelianchuk.jpg19_Linda_Omelianchuk.jpg20_Linda_Omelianchuk.jpg

® Linda Omelianchuk

 

L’esperienza di questo workshop con Ernesto è andata ben oltre le mie aspettative. La sincerità e l’apertura dei siciliani, la spiritualità e le emozioni delle processioni della Settimana Santa, e il tutoraggio e le critiche percettive di Ernesto sono state una bella combinazione che mi ha aiutato ad evolvere sia come persona sia come fotografa.

Ernesto mostra la sua passione per la vita e il suo amore per le persone attraverso le sue fotografie, e li condivide generosamente con tutti noi. Abbiamo avuto un gruppo internazionale di fotografi di talento e attraverso la cura, l’umorismo, e il talento di Ernesto a preparare gli spaghetti, non c’è voluto molto per creare un ambiente familiare. Insieme abbiamo celebrato la cucina siciliana, abbiamo camminato per le strade della Sicilia, e selezionato le nostre immagini.

Tutto ciò mi ha fatto apprezzare la cultura unica della Sicilia, mi ha dato una comprensione maggiore di cosa sia la fede sincera, e un profondo senso di gratitudine per i nuovi amici di cui farò tesoro.

Linda Omelianchuk

 



 

01_maarten_boerma.jpg02_maarten_boerma.jpg03_maarten_boerma.jpg04_maarten_boerma.jpg05_maarten_boerma.jpg06_maarten_boerma.jpg07_maarten_boerma.jpg08_maarten_boerma.jpg09_maarten_boerma.jpg10_maarten_boerma.jpg11_maarten_boerma.jpg12_maarten_boerma.jpg

® Maarten Boerma

 

Alcune cose si vedono solamente quando le sperimentiamo su noi stessi. La gente ti può dire esattamente come fare le cose o spiegare le proprie esperienze, ma in alcuni casi devi essere lì per capire e sentire. Questo workshop in Sicilia durante la Pasqua del 2015 è stato proprio così.

Le cose che ho imparato durante i dieci giorni in Sicilia e a Favignana con questo grande gruppo di persone provenienti da tutto il mondo è stato un qualcosa che ha dato molte nuove intuizioni alla mia fotografia, ha rinnovato la mia spinta passionale per la fotografia e ancora più importante ho appresso molte lezioni di vita.

Ho seguito una serie di altri workshop fotografici, ma i corsi di Ernesto sono quelli da fare se si vuole veramente migliorare il modo di guardare mentre fotografi e per editare il tuo lavoro successivamente. Fare editing non è sempre il processo più semplice, poiché si potrebbe scoprire che bisogna lavorare sodo e provare cose nuove. Ma bisogna fare esattamente così per imparare. E questo è quello che ho fatto. Grazie Ernesto.

Maarten Boerma

 



 

01_rosanna_lopez.JPG02_rosanna_lopez.JPG03_rosanna_lopez.JPG04_rosanna_lopez.JPG05_rosanna_lopez.JPG06_rosanna_lopez.JPG07_rosanna_lopez.JPG08_rosanna_lopez.JPG09_rosanna_lopez.JPG10_rosanna_lopez.JPG11_rosanna_lopez.JPG

® Rosanna Lopez

 

Volevo condividere la mia esperienza nel workshop in Sicilia durante la Pasqua del 2015.
La verità è che ho trovato qualcosa che già mi aspettavo: persone meravigliose e un posto incredibile, anche se non riesco a spiegare perché in Italia mi sento sempre a casa nonostante la lingua non sia la stessa, forse perché alcuni dei miei antenati provengono dall’Italia.

Il workshop è stato intenso e abbiamo appena avuto il tempo di digerire tutto quello che abbiamo visto nonostante tutte le cose importanti, sono state registrate nel nostro cuore.
Personalmente mi piace fotografare questi eventi. Credo che attraverso i diversi riti, le cerimonie e tradizioni ci identifichiamo come gruppo.
Nel caso della Pasqua è meraviglioso vedere come questa tradizione è condivisa da diverse età e pubblico, tutti insieme in un unico luogo.

Ho trascorso alcuni giorni molto sorprendenti con il gruppo e nonostante le differenze culturali e linguistiche ci siamo mescolati bene.
Un grande abbraccio a tutti voi: Ernesto, Giorgio, Daniele, Sophie, Maarten, Tania, Linda, Winnie, Brendan, David, Anthony, Johneth, il padre di Jack Sophie, Rosa, Giorgio e la sua famiglia, che ha celebrato la Pasqua assieme a noi. Spero di non dimenticare nessuno. Ringrazio anche Anja. I tuoi commenti e la tua esperienza nel workshop pasquale di Ernesto l’anno prima hanno generato il mio desiderio di partecipare.

La verità è che ho vissuto una grande esperienza di apprendimento e ho dei grandi ricordi, e spero che c’incontreranno presto.

Rosi Lopez

 



 

01_Sophie_Peeters.jpg02_Sophie_Peeters.jpg03_Sophie_Peeters.jpg04_Sophie_Peeters.jpg05_Sophie_Peeters.jpg06_Sophie_Peeters.jpg07_Sophie_Peeters.jpg08_Sophie_Peeters.jpg09_Sophie_Peeters.jpg10_Sophie_Peeters.jpg11_Sophie_Peeters.jpg12_Sophie_Peeters.jpg13_Sophie_Peeters.jpg14_Sophie_Peeters.jpg15_Sophie_Peeters.jpg16_Sophie_Peeters.jpg

® Sophie Peeters

 

Come in tutti i workshop di Ernesto si sa che sarà una bellissima esperienza, non solo fotografica, ma un cammino di amicizia – vecchie e nuove – e la condivisione di momenti indimenticabili.

Questo workshop non ha fatto eccezione: è stato veramente magnifico! Il gruppo Door Slammers è stato un gruppo di persone meravigliose, con background interessanti e diversi, che ha stimolato grandi conversazioni, un sacco di risate, molta conoscenza e la condivisione.

Ma ciò che ha reso questo workshop più speciale per me è stata la presenza di mio padre Jack che si è unito a noi durante il divertimento che seguiva il nostro lavoro fotografico! Tutto il gruppo l’ha accolto con le braccia aperte e mio padre è diventato ben presto un membro del gruppo e di questo sono molto grata. Essere in grado di condividere questa esperienza con mio padre è davvero difficile da esprimere com parole: è stato davvero meraviglioso!

Infine in questo workshop ho vissuto la mia migliore sessione di editing finale, assolutamente impagabile grazie al fatto di poterla condividere sia con il mio papà sia con il mio fidanzato AJ!
Grazie ancora Ernesto, per un workshop meraviglioso!
Ci vediamo molto presto a Iquitos!

Sophie Peeters

 



 

01_tania.JPG02_tania.JPG03_tania.JPG04_tania.JPG05_tania.JPG06_tania.JPG07_tania.JPG08_tania.JPG09_tania.JPG10_tania.JPG11_tania.JPG12_tania.JPG13_tania.JPG14_tania.JPG

® Tania Amochaev

 

Ernesto si preoccupa per i suoi studenti più di chiunque altro fotografo che abbia mai incontrato. E’ anche profondamente preso dagli eventi cui abbiamo partecipato e ci ha trasmesso il suo amore per i rituali pasquali. E ‘stato un fantastico modo di partecipare pienamente a qualcosa che altrimenti avrei visto come un’estranea.

Tania Amochaev

 



 

Winnie_Ho_01.jpgWinnie_Ho_02.jpgWinnie_Ho_03.jpgWinnie_Ho_04.jpgWinnie_Ho_05.jpgWinnie_Ho_06.jpgWinnie_Ho_07.jpgWinnie_Ho_08.jpg

® Winnie Ho

 

Le parole non possono descrivere la mia prima esperienza di workshop con Ernesto che è stata semplicemente indimenticabile. Il calore e la passione di Ernesto sono contagiose, la sua dedizione agli studenti si riflette sia nella suo editing instancabile e la critica onesta del lavoro di ogni studente sia nella sua apertura a condividere le sue storie di vita e progetti fotografici in corso. Ci ha sfidato ad andare oltre, di cercare quel momento sfuggente che racchiude la sua quintessenza, a riconoscere la bellezza della vita. Sono tornata a casa con “occhi nuovi”. Un grande maestro e amico, grazie, grazie, grazie Ernesto.

Per Giorgio e il nostro gruppo di fotografi di grande talento provenienti da tutto il mondo: tutti e ciascuno di voi ha creato questo meraviglioso collettivo. I momenti di divertimento che abbiamo avuto (che sono stati molti), la condivisione di progetti ed esperienze incredibili, le avventure e le emozioni che abbiamo vissuto insieme durante e al di là delle processioni di Pasqua. Mi sono sentita in famiglia. Mi mancate tutti.

E non ho nemmeno menzionato le bellezze della Sicilia, l’ospitalità che abbiamo ricevuto e il cibo glorioso.
Non vedo l’ora di seguire il mio prossimo workshop con Ernesto.

Winnie Ho

 


Torna alle Gallerie 2015

Share