Galleria Where Do You Stand?, Do You Capisco?

Sicilia, Italia 2014

Español       Ingles


 

colin_steel_01.jpgcolin_steel_02.jpgcolin_steel_03.jpgcolin_steel_04.jpgcolin_steel_05.jpgcolin_steel_06.jpgcolin_steel_07.jpgcolin_steel_08.jpgcolin_steel_09.jpgcolin_steel_010.jpgcolin_steel_011.jpgcolin_steel_012.jpgcolin_steel_013.jpgcolin_steel_014.jpgcolin_steel_015.jpgcolin_steel_016.jpgcolin_steel_017.jpg

® Colin Steel

 

Nuovi amici, nuove esperienze, nuove intuizioni, nuove emozioni, conversazioni affascinanti, danze poetiche, dolce whisky, sigari robusti, stigghiole, pane caldo e caffè appena fatto.
Le giornate sognanti sono enfatizzate dall’incredibile esperienza di crescita con l’insegnamento di Ernesto e Jeff, di Juan e di tutti i miei amici. Che piacere è stato ascoltare Jeff parlare sul lavoro di tutta una vita e vedere i suoi libri per la prima volta. E’ stato anche un onore far parte di quel pranzo in giardino dove Ernesto ha mostrato la prima copia dello sfascicolato del suo nuovo libro Isla, o quando abbiamo cenato con un vasto assortimento di pietanze siciliane. Sono rimasto sconvolto dalla bellezza e dall’espressività del lavoro messicano a colori di Juan. Che incredibile esperienza visuale!
Finalmente, è sempre intensamente soddisfacente vedere come i miei compagni fotografi sono cresciuti fotograficamente e hanno mostrato le meravigliose foto che hanno scattato. Sto incominciando a pensare che la parola workshop è un termine fuorviante per un esperienza di apprendistato con Ernesto. Grazie a Ernesto, Jeff e a tutti gli studenti per un’esperienza profonda, soddisfacente e illuminante in Sicilia.

Colin Steel

 



 

daniela _chelo_01.jpgdaniela _chelo_02.jpgdaniela _chelo_03.jpgdaniela _chelo_04.jpgdaniela _chelo_05.jpg

® Daniela Chelo

 

Le giornate trascorse in Sicilia durante il workshop con Ernesto Bazan sono state molto intense. Ricordo in particolare un momento in cui ho dovuto prendermi una piccola pausa dopo aver vissuto i primi editing e aver guardato i libri di David Meyers e soprattutto dei nostri insegnanti Ernesto Bazan e Jeff Jacobson. Mentre stavamo visionando le foto del Messico di Juan De La Cruz, ho avuto come la sensazione di essere satura di nuove informazioni e di doverle smaltire per un minuto prima di poter continuare a guardare altro.
Nei dieci giorni abbiamo visto diverse processioni, in cui ho vissuto momenti contrastanti: ho visto recitare e ho visto anche momenti di sincera commozione; ho incontrato persone di una grande gentilezza e disponibilità che trasmettono con orgoglio alle nuove generazioni la loro passione per le tradizioni e i riti, una simbiosi di modernità e passato.
Sono entrata in punta di piedi in questa esperienza, ma finalmente, all’improvviso, la magia si è compiuta e sono riuscita a “vedere”. Mi sono avvicinata alle persone come non avevo mai osato fare. Il momento in cui il bambino che giocava con me (come ha colto prontamente Ernesto con il suo sguardo acuto e sensibile dietro alla sua fotocamera) ripeteva “l’occhio, l’occhio, l’occhio… facendo riferimento al mio obiettivo”, è stato come una rivelazione, che ha aperto una porta su un mondo nuovo.
Ho avuto il privilegio di avere due insegnanti come Ernesto Bazan e Jeff Jacobson, che hanno criticato e incoraggiato il nostro lavoro con la massima onestà, pur dissentendo tra loro diverse volte (cosa che ha aggiunto valore alla nostra esperienza). Al loro sguardo non è sfuggito nulla: la loro pazienza, esperienza, la loro umiltà e il piacere di condividere la passione per la fotografia sono stati incredibili. Ognuno con la sua specifica visione della vita e della fotografia, Ernesto per l’energia e la fede in ciò che fa, e Jeff per lo spirito cui mi sento particolarmente vicina, hanno saputo insegnarci un nuovo modo di guardare le immagini e la realtà che ci circonda, con rinnovato interesse e stupore. Devo ringraziarli di cuore per l’attenzione, il sostegno e l’entusiasmo che hanno saputo regalarmi in questi giorni.
Ringrazio anche i miei compagni di corso: Colin sia per la sua visione forte e poetica sia per la sua presenza e per l’aiuto nell’editing, Rafael per i consigli, il supporto e soprattutto per l’aiuto con Photoshop. Vederlo in azione è stato molto istruttivo (dimmi com’è venuta la caponata!).
David per la presenza attenta e la sua capacità di vedere oltre. E’ anche merito loro – dopo aver visto il proprio lavoro sul sito di Ernesto – se ho deciso di partecipare al workshop.
Ringrazio Javier per la sua presenza gentile e l’aiuto nel familiarizzarmi con il foto ritocco, Jonathan per il suo speciale senso dell’umorismo e tutto l’aiuto tecnico che mi poteva dare, Sergio per la passione e per il suo sorriso, Jojo per il suo sostegno e incoraggiamento, Markus per le chiacchierate su argomenti leggeri e profondi e la sua capacità di sdrammatizzare nei momenti di sconforto, Juan per la sua presenza e la sensibilità che sa trasmettere nelle sue fotografie. Inoltre, ringrazio in particolare Anastasia, per la sua energia contagiosa e le risate e Giorgio per la sua disponibilità e generosità e per essere stato sempre presente.

Daniela Chelo

 



 

david_myers_01.jpgdavid_myers_02.jpgdavid_myers_03.jpgdavid_myers_04.jpgdavid_myers_05.jpgdavid_myers_06.jpgdavid_myers_07.jpgdavid_myers_08.jpg

® David Myers

 

Pasqua in Sicilia 2014 è stata la terza volta che faccio parte di questo workshop incredibile. Questa volta abbiamo avuto due grandi maestri — Ernesto Bazan e Jeff Jacobson. Entrambi hanno portato la loro visione unica e personale e si sono avvicendati nell’arricchire con la loro esperienza questo corso.
Ogni volta che sono stato in Sicilia, credo che trascorro più tempo osservando e immergendomi maggiormente nell’esplorazione della vita della gente. Vedo lentamente uno stile svilupparsi che sia sempre più mio e non un’imitazione di tutti quelli che mi hanno preceduto. Apprendo sempre di più ogni volta che guardo attraverso il mirino. Questo mio ritornare a fotografare la Pasqua va molto di là di un workshop: è un’avventura del vedere, del rispondere agli stimoli, e dell’esplorare. Si può visitare la Sicilia per una settimana ed esplorarla da solo. Ma essere parte del workshop di Ernesto e dei suoi partecipanti va al di là della mera esplorazione delle strade e si trasforma in un’ esplorazione delle proprie emozioni e del proprio cuore e, allo stesso tempo,  ti aiuta a sviluppare i muscoli necessari per rispondere ai momenti fotografici.

Ho già molta voglia di far parte nuovamente di questo workshop così speciale nel 2015 per continuare a sviluppare il filo conduttore del mio lavoro.

David Myers

 



 

francisco_javier_01.jpgfrancisco_javier_02.jpgfrancisco_javier_03.jpgfrancisco_javier_04.jpgfrancisco_javier_05.jpgfrancisco_javier_06.jpgfrancisco_javier_07.jpgfrancisco_javier_08.jpg

® Francisco Javier

 

Gente aperta e talentuosa con diversi background culturali ma che condividono la passione comune per la fotografia tutti assieme nella stessa villa. Che cocktail!
Scattare la Pasqua in Sicilia è diventata una sfida. Non solamente per il soggetto stesso, ma anche per l’alto e intenso livello che ci è stato richiesto fin dall’inizio del workshop.
Avere avuto questi due maestri, Ernesto e Jeff, dandoci consigli onesti e profondi è stata un’opportunità unica. Queste due maniere d’intendere la fotografia hanno arricchito grandemente l’analisi delle immagini e tutte le discussioni sulla fotografia. Tutto ciò, grazie anche al prezioso contributo degli altri partecipanti, mi ha permesso un nuovo sguardo fotografico.
Ho apprezzato grandemente il tempo condiviso con tutti voi. In modo particolare vorrei ringraziare Rafa, Colin e Juan per il loro generoso sostegno, e poi tutti gli altri partecipanti e i nostri maestri per creare un ambiente così speciale (ovviante il whisky scozzese, il mescal messicano, i sigari cubani e il cibo siciliano hanno aiutato grandemente!)
Lascio la Sicilia con delle buone immagini e, ciò che è ancora più importante, con un diverso approccio alla fotografia e con dei veri amici.

Francisco Javier

 



 

jahn_schimitz_01.jpgjahn_schimitz_02.jpgjahn_schimitz_03.jpgjahn_schimitz_04.jpgjahn_schimitz_05.jpg

® Jahn Schimitz

Jahn Schimitz

 



 

jonathan_kronberg_01.jpgjonathan_kronberg_02.jpgjonathan_kronberg_03.jpgjonathan_kronberg_04.jpg

® Jonathan Kornberg

 

Questo è stato il mio primo workshop con Ernesto Bazan e mi sono sentito felice che Jeff Jacobson ne facesse parte aggiungendo un’energia extra a tutta l’esperienza. La combinazione fra questi due appassionati maestri che con la loro saggezza e intelligenza sono stati il centro di questo circolo contenente un gruppo di studenti meraviglioso, la generosa gente siciliana e la stessa isola.
Molti degli studenti avevano una grande esperienza e hanno condiviso assieme a noi le loro foto e le loro storie di altri tempi e luoghi, mostrando a mio avviso un livello fotografico che posso solo sognarmi.
Allo stesso tempo avere avuto l’opportunità che i due maestri abbiano condiviso il proprio lavoro, è stato un vero privilegio.
Le celebrazioni Pasquali sono iniziate lentamente, ma durante la maratonica processione dei misteri durata trenta ore sono finalmente riuscito a vedere le emozioni della gente di Trapani, e questa esperienza senza ombra di dubbio è stato il clou del workshop.
Il workshop si è dipanato in un ritmo gentile dominato prima dal cibo glorioso e poi dalle amene conversazioni e le risate con gli altri studenti provenienti da diversi paesi.
La mia linea deve ancora recuperarsi e la musica continua a danzare nella mia testa. Adesso capisco meglio perché così tanti studenti ritornano a questo e agli altri workshop di Ernesto.

Jonathan Kornberg

 



 

markus_lichtenstein_01.jpgmarkus_lichtenstein_02.jpgmarkus_lichtenstein_03.jpgmarkus_lichtenstein_04.jpgmarkus_lichtenstein_05.jpgmarkus_lichtenstein_06.jpgmarkus_lichtenstein_07.jpg

® Markus Lichtenstein

 

Per me è stata un’esperienza ispiratrice e intensa. Ha aperto una nuova maniera di guardare le foto. Ho apprezzato enormemente la dedicazione e la pazienza di Ernesto durante le sessioni di editing. La partecipazione a questo workshop mi ha reso un fotografo più maturo e riflessivo. Assolutamente da raccomandare!

Markus Lichtenstein

 



 

rafael_ruiz_01.jpgrafael_ruiz_02.jpgrafael_ruiz_03.jpgrafael_ruiz_04.jpgrafael_ruiz_05.jpgrafael_ruiz_06.jpgrafael_ruiz_07.jpgrafael_ruiz_08.jpgrafael_ruiz_09.jpg

® Rafael Ruiz

 

Ritornare in Sicilia è sempre un piacere, poter mangiare nuovamente la caponata e tutti i suoi tesori gastronomici. E se si condivide l’esperienza con un gruppo come quest’anno … ancora meglio!
Dal primo giorno si è formata una famiglia. Partendo da Javier, mi ha fatto enorme piacere incontrarti. Hai una mente eccezionale, analitica e razionale guidata da una sorta di creatività affascinante. Ho imparato molto da te. Spero che mi mandi più libri e che venga a Granada.

Tasha! Oh “amore” Ja ja sei meravigliosa e rendi la vita meravigliosa. Credo che tuo marito e i tuoi figli si siano assicurati una vita felice con la tua straordinaria energia. Lo credo davvero. Sei petit, ma sei come un terremoto e puoi fare ballare chiunque al ritmo della tua musica felice.

Markus è impressionante la tua semplicità. Ti ho immaginato facendo grandi affari nella tua vita quotidiana, e ho pensato che sei una persona intelligente e che hai fatto una buona scelta di vita. Penso che tu sia un grande uomo.

Colin & David quest’anno ho confermato tutto quello che ho pensato l’anno scorso di voi due. Torno a ringraziarvi per avermi trattato così bene e per il vostro spirito nobile e divertente. Sono rimasto impressionato per il bel libro di David su sua madre. Colin tue foto del Brasile mi hanno veramente sconvolto. Mi auguro che le linee della nostra vita si rincontrino … speriamo in Messico.

Juan, Juanito! Continuiamo con questo legame speciale. Non capisco esattamente perché, ma vedo che ci sono ragioni sconosciute che ci uniscono. E ‘chiaro che ci rivedremo. E’ stato fantastico averti avuto per dieci giorni durante il workshop, ridendo e chiacchierando assieme. Le tue foto mi hanno “ammazzato” nuovamente. Salta e gettati nel vuoto. Cose inenarrabili ti aspettano.

Ernesto dopo il viaggio in Bolivia e questo workshop ho chiaro che le nostre vite, come quella di Juan, sono unite da qualcuno lassù. Non c’è dubbio che la complicità che abbiamo mi rende molto felice. Ho fatto passi da gigante fotografando dopo averti conosciuto. Grazie di tutto.

Jeff la tua umanità mi ha lasciato senza parole. Sei un esempio d’impegno e passione per la fotografia. Mi piaceva guardarti così assorbito scattando foto. Tu sei una persona silenziosa e ti muovi lentamente, ma trasmetti un’energia e un amore per la fotografia che non avevo mai visto prima. Sono entusiasta di poter vedere la vita attraverso i tuoi occhi azzurri. M’ispiri tanto.

Giorgio, amico buona fortuna con le tue nozze!  Grazie per avermi portato all’aeroporto. Alla fine è stato un dono condividere quel viaggio. Quest’anno non abbiamo avuto molto tempo per parlare. Ti abbraccio e sono sicuro che tutto ti andrà bene nella vita con questo modo di essere che hai.

Sergio non so bene come eri prima del “tuo cambio” scoprendo il tuo bambino interiore. Posso solo dirti che sei fantastico. Non c’è dubbio che sei chi ha lavorato maggiormente durante il workshop. Spesso quando qualcuno era stanco di scattare foto e apparivi tu, ricaricavi di energia tutti gli altri affinché continuassero a scattare. Grazie per la tua sensibilità.

Per tutti gli altri ho le stesse parole gentili. E ‘stato meraviglioso avervi vicino. Ognuno di voi ha contribuito a rendere questo workshop memorabile.

Il momento più bello del workshop e anche uno dei più belli della mia vita è stato all’inaugurazione della nostra mostra presso l’Istituto Cervantes di Palermo (grazie Belem se riesci a leggere questo). Mi è piaciuto vedere le mie foto stampate così bene in un posto così incredibile. Ma questo non è stata la cosa più importante. Ciò che ha colpito tantissimo è stato vedere i volti di felicità e orgoglio di David, Colin, Sorin ed Ernesto.

Mi sono commosso molto a volte ed è una cosa che non dimenticherò mai. Il mio caro maestro parlando nella sua città, alla sua gente, condividendo una parte di sé e del suo lavoro … la presenza della bella madre di Ernesto e della sua famiglia. Tutto ciò si è avverato per qualcosa che hai fatto tu Ernesto. E qualcosa su cui riflettere. L’energia che ricevi quando fai le cose per gli altri piuttosto che per te stesso è qualcosa d’inspiegabile, qualcosa che ti trasforma. Quindi, se qualcuno deve ringraziare la vita per questo momento sono io.

Rafael Ruiz

 



 

Sergio_Barra_01.jpgSergio_Barra_02.jpgSergio_Barra_03.jpgSergio_Barra_04.jpgSergio_Barra_05.jpgSergio_Barra_06.jpgSergio_Barra_07.jpgSergio_Barra_08.jpgSergio_Barra_09.jpgSergio_Barra-10.jpgSergio_Barra-11.jpgSergio_Barra-12.jpgSergio_Barra-13.jpgSergio_Barra-14.jpg

® Sergio Barra

 

“Qualsiasi cosa tu faccia, falla con gioia, se la fai con amore, se l’atto di farla non è puramente economico allora è creativo. Se dopo l’esperienza qualcosa cresce dentro di te, se ti da crescita, è spirituale, è creativa, è divina.”. OSHO

Ernesto,

ancora una volta sono particolarmente compiaciuto e veramente FELICE. Da anni era chiaro che dovevo conoscere l’Italia dal di dentro: la sua campagna, la sua gente, le sue usanze, i suoi paesaggi, il suo cibo, la sua storia. Invariabilmente i sogni si trasformano in realtà solo quando è destino. Questo viaggio è stato indimenticabile. Mi sono sentito connesso con il paese e specialmente con la sua gente. Ho capito molte cose che mi avevi detto rispetto al workshop a Oaxaca ed entrambi i workshop sono stati molto speciali.
La prima cosa di cui sono grato è avere avuto l’opportunità di viaggiare in lungo e in largo per l’Italia e avere potuto apprezzare questo paese veramente incedibile. E’ stata una delle esperienze più belle della mia vita.

La Sicilia e il workshop rappresentano un periodo di grande crescita. A differenza del workshop a Oaxaca dove sono arrivato con una benda sugli occhi, in Sicilia sapevo che dovevo arrivare con uno sguardo e una mente più aperta; dovevo guardare da vicino ogni istante, ogni dettaglio, e ogni spazio.
Questa volta ho appreso tantissimo di tecnica, stile, esperienza. Ho potuto chiarire molti dubbi che non mi ero mai sognato di chiedere in passato. Ritengo che il gruppo sia stato eccellente e che sono stato in grado di apprendere molte cose da ognuno di loro. Questo è uno degli aspetti che amo tanto dei tuoi workshop.

L’esperienza fotografica è stata un cannolo per l’anima. Il fervore, la devozione, la spiritualità con cui la gente venera Dio, la Vergine. Gesù e tutti i Santi è veramente straordinaria. Direi che l’Italia e il Messico sono molto simili e sebbene ogni paese abbia le sue peculiarità, ho trovato molte similitudini.
Ho scoperto e appreso che la mia fotografia deve trascendere il momento e non semplicemente concentrarsi sull’attimo vissuto; non dovevo solo puntare sule processioni, sui costumi o le tipologie della gente. Dovevo cercare momenti fotografici che potessero andare di là dal luogo, del tempo e della data e riuscire allo stesso tempo a raccontare una storia avvincente. Forse tutto questo è risaputo da tanti, ma per me è stata una grande rivelazione.
Come sai, solo da poco tempo mi sono appassionato di fotografia e ho ancora tantissimo da imparare. Mi sento felice perché ho lavorato sodo nonostante ogni giorno sentissi il dolore fisico nel mio corpo per lo sforzo che stavo facendo.
Il lavoro che sono riuscito a fare mi ripaga. Ho imparato molto nelle sessioni di editing ascoltandoti definire ciò che funzionava e ciò che non andava bene. Una delle cose che ho apprezzato intensamente è stato riuscire a vedere quelle immagini che trascendono sebbene debba riconoscere che questo processo dentale è anche stressante. Alla fine ho grandemente apprezzato l’intero processo d’edizione perché è stata la parte dove ho appreso maggiormente.

Abbiamo avuto la fortuna di avere Jeff Jacobson nel workshop.
Penso che la sua presenza sia stato un a valore aggiunto all’interno processo di apprendimento. L’avere avuto due maestri con due stili diversi, il primo amante del bianco e nero e l’altro del colore è stato veramente impagabile.
Per me è stato un piacere ascoltare i commenti di Jeff, osservarlo al lavoro e vedere come vede e processa la realtà. E’ stato anche molto utile discutere a lungo sulle foto in cui differivate. Abbiamo imparato tanto da questo dialogo e ritengo che sia stata una grande fortuna averlo avuto nel workshop.

Rispetto alla Sicilia posso solo dire che è una delizia di tutti i sensi; visuale, spirituale, auditivo, e naturalmente sentire il gentile abbraccio della sua gente ha aumentato il piacere dell’esperienza. Da un punto di vista fotografico aver avuto l’opportunità di scattare foto in città così contrastanti come Palermo, Trapani e Marsala è stato incredibile. La cucina siciliana è stata una delle cose più interessanti del viaggio. Assieme alla fotografia ho vissuto due grandi esperienze allo stesso tempo.

La presenza nel gruppo di bravi fotografia con differenti stili, culture, idee e visioni è stato un altro elemento che ha dato grande valore al corso. Devo confessare che questa volta ero molto più ben disposto ad apprendere dagli altri membri del workshop che a Oaxaca.
E’ stato un gruppo eccellente, con un grande livello d’integrazione, divertente, molto compromessi al proprio lavoro, entusiasti, con un grande livello creativo. Ho amato ogni momento trascorso con loro e sento che sono una parte della mia vita.

Ernesto, amico mio, ancora una volta mi hai sorpreso. Ti ringrazio infinitamente. La mia mente è più tranquilla e più in pace di prima. Ritengo che abbia a che vedere con questo processo evolutivo e di crescita della mia coscienza. Sei arrivato quando era destino che saresti dovuto arrivare e ne sono grato. Ernesto che Dio ti benedica!

Grazie.

Sergio Barra

 



 

tasha_dorsono_01.jpgtasha_dorsono_02.jpgtasha_dorsono_03.jpgtasha_dorsono_04.jpgtasha_dorsono_05.jpgtasha_dorsono_06.jpgtasha_dorsono_07.jpgtasha_dorsono_08.jpg

® Tasha Dorsono

 

Questo è solo un tentativo di voler esprimere con delle parole un’esperienza magica. I padrini Ernesto e Jeff hanno “ballato” in una maniera così eloquente nell’insegnare a noi studenti venuti da diverse parti del mondo e da culture e background diversi. Ci hanno insegnato con una tale delicatezza e con grande incoraggiamento. La processione dei Misteri, la musica, il profumo della Sicilia, la pasta, la salsiccia e il lieto incontro con tutti voi mi ha fatto ritornare a casa non solo con un “paio di occhi nuovi” nel mio modo di fotografare, ma anche con l’abbondanza di memorie veramente straordinarie. In due parole:”Semplicemente Magico”.

Tasha Dorsono

 



Torna alle Gallerie 2014

 

Share