Galleria Happy Easter

Sicilia, Italia 2012

Español       Ingles


 

baron_barnett_01.jpgbaron_barnett_02.jpgbaron_barnett_03.jpgbaron_barnett_04.jpgbaron_barnett_05.jpgbaron_barnett_06.jpgbaron_barnett_07.jpgbaron_barnett_08.jpgbaron_barnett_09.jpgbaron_barnett_010.jpgbaron_barnett_011.jpgbaron_barnett_012.jpg

® Baron Barnett

 

Ho appena concluso la mia settima avventura con Ernesto. Abbiamo avuto un grupo coeso e talentoso.

Quattro di noi eravamo già stati assieme in altri workshop. Trovo il corso in Sicilia molto difficile perché mette alla sfida tutti i tuo sensi nel tentativo di catturare delle immagini piene di significato. Ma la tradizione e l’energia delle processioni ti regalano una bellissima esperienza. Le forze spirituali si uniscono da ogni angolo! Le sessioni di editing diventano, ancora una volta, quel momento di aggregazione creativa collettiva. Ci danno l’opportunità di interagire in maniera produttiva e di goderci le immagini prodotte dal gruppo. La creatività del gruppo è stata incoraggiante e stimolante! Condividere le nostre differenti prospettive sulle immagini panoramiche cubane di Ernesto è stato il clou del workshop. Le benedizioni di un luogo, il succo creativo del gruppo, la gioia delle interazioni di gruppo, il cibo favoloso ed il magnifico tempo hanno fatto del workshop un altro memorabile viaggio con Bazan!!! Benedetta sia la tempesta che è arrivata dopo la processione. Adesso ho un profondo desiderio di seguire la prossima avventura con Ernesto…. non ve la perdete! Semplicemente cercate per la parte oscura di Umit e di Juan….

Baron Barnett

 



 

david_myers-01.jpgdavid_myers-02.jpgdavid_myers-03.jpgdavid_myers-04.jpgdavid_myers-05.jpgdavid_myers-06.jpgdavid_myers-07.jpgdavid_myers-08.jpg

® David Myers

 

Non è necessario lasciare alla fine la battuta definitiva sulla mia esperienza con Ernesto ed altri undici fotografi: è stato l’inizio di uno straordinario viaggio di emozioni e di nuove prospettive visuali.Negli ultimi 12 anni avevo partecipato a numerosi workshop, questo, assieme ad Ernesto, è stato quello che mi ha dato una maggiore crescita come fotografo.Fra le incredibili opportunità fotografiche in Sicilia e la passione di Ernesto sia per la gente sia per la sua arte, non hai scelta e sei costretto a migliorare e ad aprire i tuoi occhi ad una nuova maniera di vedere.
L’esperienza del workshop è intensa, l’asticella è collocata ben alta e ci sono giorni in cui senti che il fallimento è il tuo migliore amico, però Ernesto ti aiuta a seguire nel workshop spingendoti e tirandoti in avanti, cercando di aiutarti ad ottenere ciò che sembrava quasi impossibile.Ho lasciato dodici amici e sono rientrato a casa con delle nuove immagini di cui mi sento orgoglioso.
Grazie Ernesto!

David Myers

 



 

elsie-hull_01.jpgelsie-hull_02.jpgelsie-hull_03.jpgelsie-hull_04.jpgelsie-hull_05.jpgelsie-hull_06.jpgelsie-hull_07.jpgelsie-hull_08.jpgelsie-hull_09.jpgelsie-hull_010.jpgelsie-hull_011.jpgelsie-hull_012.jpg

® Elsie Hull

 

Pasqua in Sicilia è il secondo workshop che faccio assieme ad Ernesto. Il primo era stato dieci anni fa a Cuba.

Entrambi sono state esperienze intossicanti! I rituali siciliani che circondano la Pasqua sono stati una grande sfida ma con l’aiuto ed i consigli di Ernesto e di tutti i partecipanti del gruppo abbiamo fatto molti progressi. Le immagini e la musica della processione di Trapani durata più di 24 ore rimarranno per sempre dentro di me.Grazie Ernesto per un’esperienza veramente illuminante. Spero di poter mettere a frutto ciò che ho appreso nelle mie future fotografie in maniera da farle diventare molto meno descrittive. E spero presto di poter partecipare nuovamente ad un nuovo workshop.
I miei auguri migliori al gruppo Buona Pasqua. E’ stato un piacere conoscervi e lavorare assieme a tutti voi.

Elsie Hull

 



 

frank_baudino_01.jpgfrank_baudino_02.jpgfrank_baudino_03.jpgfrank_baudino_04.jpgfrank_baudino_05.jpgfrank_baudino_06.jpgfrank_baudino_07.jpgfrank_baudino_08.jpgfrank_baudino_09.jpg

® Frank Baudino

 

Quando ho iniziato il mio dodicesimo workshop con Ernesto avevo dei ricordi cari ma lontani della mia ultima visita in Sicilia dieci anni fa. I miei ricordi più forti erano quelli della musica ritmica, dell’oscillazione dei catafalchi e dell’espressioni allegre e tristi dei portatori rientrando alla chiesa del Purgatorio alla fine della processione del sabato.
Il nostro workshop quest’anno chiamato Buona Pasqua mi ha lasciato delle impressioni indelebili nella mia mente e nella mia anima. La mia cultura americana non ha nessun evento cui paragonare questo incredibile spettacolo che ha più di quattrocento anni di vita. Le processioni della settimana santa coinvolge uomini e donne, bambini ed adulti. La processione dei Misteri e quella di Marsala sulla passione di Cristo amalgamano interamente la cultura fisicamente, visualmente e musicalmente ed in maniera molto bella e poderosa.
Dal punto di vista fotografico ci siamo sentiti tutti dei privilegiati nel riuscire a vedere come ognuno di noi sia riuscito a fotografare le proprie reazioni profonde davanti ai Misteri e ad i siciliani.
Ernesto è stato, come sempre, un sapiente editore e maestro e mi sento fortunato che ci vediamo quasi ogni anno per parlare di arte e di vita.
Fino al prossimo workshop:”A Posto!”

Frank Baudino

 



 

giancarlo_rupolo_01.jpggiancarlo_rupolo_02.jpggiancarlo_rupolo_03.jpggiancarlo_rupolo_04.jpggiancarlo_rupolo_05.JPGgiancarlo_rupolo_06.JPGgiancarlo_rupolo_07.jpggiancarlo_rupolo_08.jpggiancarlo_rupolo_09.JPGgiancarlo_rupolo_010.jpg

® Giancarlo Rupolo

 

Ernesto l’ho conosciuto personalmente a Benevento due anni fa ma non avevo mai partecipato ai suoi workshop. E’ un rullo compressore perché ti coinvolge emotivamente da non poterti distrarre un attimo. L’esperienza vissuta in questi pochi giorni passati assieme è stata fantastica anche se faticosa perché ho avuto modo di mettere a confronto, durante la discussione mattutina dei lavori, le mie esperienze e basi culturali con un gruppo che più eterogeneo di così non poteva essere e che per questo ha contribuito ad allargare ed approfondire moltissimo le mie conoscenze fotografiche.
L’essere costantemente a contatto con i sentimenti religiosi profondi e radicati nelle cultura siciliana mi ha portato a momenti di commozione a volte difficili da frenare. Di questi giorni conserverò un ricordo difficile da dimenticare.
Carlo in cucina è stato eccezionale con la sua pasta con salsiccia.
Ciao a tutti.

Giancarlo Rupolo

 



 

ilaria_barisi_01.jpgilaria_barisi_02.jpgilaria_barisi_03.jpgilaria_barisi_04.jpgilaria_barisi_05.jpgilaria_barisi_06.jpgilaria_barisi_07.jpgilaria_barisi_08.jpgilaria_barisi_09.jpgilaria_barisi_010.jpgilaria_barisi_011.jpgilaria_barisi_012.jpgilaria_barisi_013.jpg

® Ilaria Barisi

 

Pensavo che questa volta la magia del workshop dell’anno scorso non si sarebbe ripetuta…mi sbagliavo!.
Ernesto riesce sempre a tirare fuori il miglior spirito fotografico da tutti ed è così abile ad alzare gradualmente l’asticella a ciascuno per farlo crescere e fargli superare i propri ostacoli e limiti…anche se alcune volte il salto viene un po’ sconclusionato!.
Poi è stato bellissimo rincontrare gli amici lasciati un anno fa e ritrovarli come se fosse passato un giorno solo.
Infine una mia emozione personale: la processione, oltre ad essere visivamente uno spettacolo sempre affascinante, mi rinnova una sensazione di appartenenza ad una comunità e la bella Trapani è una delle poche città che mi fa sentire a casa…alla prossima!

Ilaria Barisi

 



 

karen_keating_01.jpgkaren_keating_02.jpgkaren_keating_03.jpgkaren_keating_04.jpgkaren_keating_05.jpgkaren_keating_06.jpgkaren_keating_07.jpgkaren_keating_08.jpg

® Karen Keating

 

Questo è stato il più difficile ed allo stesso tempo il workshop che mi ha ispirato maggiormente da quando ho finito l’università.

E stata anche una delle settimane professionali in cui ho ricevuto maggiore supporto. Le celebrazioni della Pasqua sono emotivamente profonde e catturare queste emozioni è stato difficilissimo. “Vedere” costantemente ci veniva chiesto, e poi prendere decisioni immediate hanno fatto la differenza fra una foto descrittiva ed un’immagine piena di significato. Osservando quotidianamente la gamma di emozioni espresse dai Siciliani è stato veramente rimarchevole. Per me la stanchezza emozionale dell’esperienza è venuta una settimana dopo mentre riprendevo la mia vita a casa. Grazie Ernesto per questa esperienza superba e per condividere con tutti noi la sfida visuale.

Karen Keating

 



 

luisa_vasquez_01.jpgluisa_vasquez_02.jpgluisa_vasquez_03.jpgluisa_vasquez_04.jpgluisa_vasquez_05.jpgluisa_vasquez_06.jpgluisa_vasquez_07.jpgluisa_vasquez_08.jpgluisa_vasquez_09.jpg

® Luisa Vazquez

 

Ernesto sa come creare lo spirito di gruppo fra gli studenti. Venivamo tutti da background diversi – turco, rumeno, americano, italiano, olandese e spagnolo – ma siamo riusciti a mescolarci bene fin dall’inizio.
E’ stata una settimana di lavoro intensa ed ho appreso cose molto importanti. Forse la più importante è stata di “andare oltre”, di guardare al di là di ciò che si vede. Generalmente non è poi così difficile avere una buona composizione ed una buona luce, ma Ernesto mi ha insegnato a non essere descrittiva. Un’altra cosa importante che ho appreso è stato di essere più consapevole nel comporre la tua immagine.
Una buona foto può essere distrutta da un dettaglio indesiderato o da un’espressione poco felice di qualcuno nello sfondo.

Luisa Vasquez

 



 

renze_rispens_01.jpgrenze_rispens_02.jpgrenze_rispens_03.jpgrenze_rispens_04.jpgrenze_rispens_05.jpgrenze_rispens_06.jpgrenze_rispens_07.jpgrenze_rispens_08.jpgrenze_rispens_09.jpgrenze_rispens_010.jpgrenze_rispens_011.jpgrenze_rispens_012.jpg

® Renze Rispens

 

Una settimana di prime volte: la Sicilia, le processioni pasquali ed il workshop di Ernesto. Pensavo di essere venuto preparato, ma la Sicilia è riuscita a sorprendermi. Mi era stato detto prima di venire che questo workshop avrebbe trasformato il mio approccio alla fotografia e onestamente credo che sia stato così. E non solo questo, perché sono stato presentato ad un gruppo di persone straordinarie che sicuramente vedrò nuovamente in questa vita. Sono anche molto grato ad Ernesto per il suo insegnamento e per averci reso partecipi dell’editing del suo nuovo libro. Sono anche grato per tutte le esperienze vissute per i nuovi amici siciliani.
Grazie per un’esperienza magnifica!

Renze Rispens

 



 

sorin_frasina_01.jpgsorin_frasina_02.jpgsorin_frasina_03.jpgsorin_frasina_04.jpgsorin_frasina_05.jpgsorin_frasina_06.jpgsorin_frasina_07.jpgsorin_frasina_08.jpgsorin_frasina_09.jpgsorin_frasina_010.jpgsorin_frasina_011.jpgsorin_frasina_012.jpgsorin_frasina_013.jpgsorin_frasina_014.jpg

® Sorin Frasina

 

Dieci giorni intensi ed unici – questa è la maniera in cui descriverei il workshop pasquale.
La settimana santa trascorsa in Sicilia mi ha rivelato che assieme alla febbrile vita moderna italiana esiste una realtà parallela, un mondo dove la gente continua a sentire alcune cose nella maniera più pura ed innocente. A Buseto Palizzolo, a Marsala ed a Trapani abbiamo trovato uomini e donne legati dalla stessa passione. O interpretando le sacre scritture o rimanendo pietrificati come statue vive sotto il sole cocente per tutto un pomeriggio o portando altari pesantissimi per più di 24 ore. Eroi volontari delle comunità a cui appartengono… Non avrei mai pensato che le loro stanche lacrime di gioia mi avrebbero impressionato così tanto.
Lo scorso ottobre Ernesto mi ha detto:” Dovresti venire in Sicilia per Pasqua uno di questi prossimi anni.” Adesso, sono felice d’essere venuto così rapidamente. E’ stato un piacere rivedere vecchi amici ( Frank, Baron, Unit ed Juan) e conoscerne nuovi (così tanti questa volta) da tutto il mondo e condividere assieme a loro tutti questi magici momenti.
Grazie Maestro, grazie amici miei!

Sorin Frasina

 



 

tony_melvin_01.jpgtony_melvin_02.jpgtony_melvin_03.jpgtony_melvin_04.jpgtony_melvin_05.jpgtony_melvin_06.jpgtony_melvin_07.jpgtony_melvin_08.jpg

® Tony Melvin

 

Ricollegarmi con le mie radici – con la passione della gente. La strada, la luce, il momento.
Ritornare ad un luogo molto spesso si può convertire, se lo permettiamo, in un gioco psicologico. Posso farcela un’altra volta – posso dimenticare ciò che ho incontrato l’ultima volta ed essere aperto a nuove possibilità?
Incontrare e non cercare – deve essere sempre così. Non forzare però accettare ciò che ti offrono – e di tanto in tanto abbassare la macchina fotografica ed osservare e apprezzare ciò che sta succedendo di fronte a te.
La strada, la luce, il momento – che è quel momento?

Tony Melvin

 



 

umit_okan_01.jpgumit_okan_02.jpgumit_okan_03.jpgumit_okan_04.jpgumit_okan_05.jpgumit_okan_06.jpgumit_okan_07.jpgumit_okan_08.jpgumit_okan_09.jpgumit_okan_010.jpgumit_okan_011.jpgumit_okan_012.jpgumit_okan_013.jpgumit_okan_014.jpgumit_okan_015.jpgumit_okan_016.jpgumit_okan_017.jpgumit_okan_018.jpg

® Umit Okan

 

Il mio secondo workshop in Sicilia è stato addirittura più difficile del primo considerando che era molto difficile non ripetermi e riuscire a fare foto interessanti che andassero oltre… Amo molto la Sicilia ed i Siciliani ed ogni volta che ritorno mi sento come a casa…
Al di là dello stesso workshop, è stato molto speciale rivedere vecchi amici. Devo anche ammettere che i cannoli siciliani sono sempre un buon motivo per ritornare in Sicilia.
Sono grato ad Ernesto per il suo sostegno. Senza di lui, non potrei progredire così rapidamente. Ringrazio anche gli altri studenti. E’ stato un grande piacere essere con tanti bravi fotografi….
Che viene dopo?? Bahia mi sta chiamando…. Lo sento!

Umit Okan.

 


Torna alle gallerie 2012

 

Share