Galleria 14 Quebras Molas

Salvador de Bahía y Reconcavo Bahiano, Brasile 2012

Español       Ingles


 

Aliona_Londono_01.jpgAliona_Londono_02.jpgAliona_Londono_03.jpgAliona_Londono_04.jpgAliona_Londono_05.jpgAliona_Londono_06.jpgAliona_Londono_07.jpgAliona_Londono_08.jpgAliona_Londono_09.jpgAliona_Londono_10.jpg

® Aliona Londono

 

L’esperienza di Bahia è stata un’esperienza meravigliosa e addirittura magica. Non sapevo cosa aspettarmi da questa parte del Brasile. Sono rimasta sorpresa per sentirmi spesso in Sud Africa, un paese che ha un posto speciale nel mio cuore. Qua a Bahia ho ritrovato la mia seconda Sud Africa, così tanti déjà vus.
A parte la mia crescita fotografica, amo scoprire come la gente vive in questa parte del mondo. Mi è piaciuto tantissimo vedere le foto fatte dagli altri studenti e nel notare come ognuno di noi interpreta personalmente le situazioni in cui ci siamo trovati assieme.
Ho imparato tantissimo da Ernesto.
Ho anche appreso tanto da tutti gli altri componenti del gruppo.
Mi sento anche molto fortunata per avere partecipato assieme agli altri studenti al processo di editing delle foto panoramiche in bianco e nero su Cuba di Ernesto.

Aliona Londono

 



 

Geralyn_Shukwit_01.jpgGeralyn_Shukwit_02.jpgGeralyn_Shukwit_03.jpgGeralyn_Shukwit_04.jpgGeralyn_Shukwit_05.jpgGeralyn_Shukwit_06.jpgGeralyn_Shukwit_07.jpgGeralyn_Shukwit_08.jpgGeralyn_Shukwit_09.jpgGeralyn_Shukwit_10.jpgGeralyn_Shukwit_11.jpgGeralyn_Shukwit_12.jpgGeralyn_Shukwit_13.jpgGeralyn_Shukwit_14.jpg

® Geralyn Shukwit

 

“Brasile…nuovamente?” mi veniva chiesto troppe volte, troppo spesso.

Ritornare a Bahia è stato come ritornare a vivere. Questi workshop rappresentano per me il momento in cui mi posso concentrare totalmente sulla fotografia e lasciare che il resto del mondo svanisca, anche se solo per dieci giorni. Rivedendo le mie fotografie mi rendo conto che questa volta sono stata molto più consapevole di ciò che mi circondava e ho sentito emozioni più forti. Anche adesso dopo una settimana che sono rientrata a casa posso chiudere i miei occhi e sentire ogni risata ed ogni lacrima.
La signorina Christiane rimarrà sempre nel mio cuore mentre apprende a vivere una vita che non ha scelto sebbene non si lamenti. Ha un amore per la vita che pochi conoscono e lo condivide con tutti noi che ricambiamo il suo amore.
La grande apertura della gente che vive in questa ex-fabrica va la di là delle parole e sono grato ad Ernesto per averci fatto conoscere la loro vita.
Con il gruppo 14 Quebras Molas (che supposizione fortunata la mia !) …abbiamo imparato così tanto attraverso la maniera personale di vedere di ognuno di noi, con le parole e specialmente con le risate. Conserverò sempre con piacere il tempo trascorso assieme a Salvador, Cachoeira ed altrove.
Ernesto grazie per la tua visione nell’apprendere e nel catturare la vita. Mentre la condividi con tutti noi diventiamo non solo migliori fotografi ma anche persone migliori… alla prossima volta!

Geralyn Shukuwit

 



 

giorgio_negro_01.jpggiorgio_negro_02.jpggiorgio_negro_03.jpggiorgio_negro_04.jpggiorgio_negro_05.jpggiorgio_negro_06.jpggiorgio_negro_07.jpggiorgio_negro_08.jpggiorgio_negro_09.jpggiorgio_negro_010.jpggiorgio_negro_011.jpggiorgio_negro_012.jpggiorgio_negro_013.jpg

® Giorgio Negro

 

Aliona, Geralyn, Giusi, Silvia, Justin, Mircea, Romain…. voglio ringraziarvi per tutto quello che mi avete dato in questi 10 indimenticabili giorni. Scoprire ogni mattina le vostre stupende fotografie é stata per me una meravigliosa esperienza d’apprendimento, un’opportunità unica per imparare ad essere un migliore fotografo, per riuscire a vedere al di là di ciò’ che i miei occhi, così limitati, percepivano. E poi come dimenticare le pizze, le dita schiacciate, i matrimoni a catena, la sorellina nella stanza di Justin, i cavalli, le caipirinhas e quella scoppiettante torre di babele in cui ogni giorno si convertiva il nostro pulmino volkswagen? Per tutto questo vi dico grazie, vi amo tutti.
 
Ernesto, ancora una volta le nostre strade si sono incrociate ed ancora una volta mi hai insegnato come proseguire sul mio cammino. Come un vero Maestro! Grazie anche, soprattutto, a te. Ci ritroveremo presto, le nostre speranze ed i nostri sogni hanno così’ tanto in comune.

Giorgio Negro

 



 

giusi_storino_01.jpggiusi_storino_02.jpggiusi_storino_03.jpggiusi_storino_04.jpggiusi_storino_05.jpggiusi_storino_06.jpggiusi_storino_07.jpggiusi_storino_08.jpg

® Giusi Storino

 

Dal primo momento che ho messo piede a Salvador ho sentito la piacevole sensazione che avevo fatto una buona scelta. Questa era la prima volta che seguivo un workshop con Ernesto e le mia capacità fotografiche erano così limitate che non mi sarei mai aspettata che questa esperienza avrebbe cambiato, in così poco tempo, sia la maniera di fare fotografie sia la maniera di guardare alle cose e alle persone attorno a me.
I dieci giorni di workshop a Salvador e Cachoeira sono stati un full immersion nella vita di questa gente e questi paesaggi, un’esperienza giornaliera alla ricerca di nuove sfaccettature dell’anima umana.
Il gruppo è stato molto speciale e non sto qui ad adulare nessuno dicendo che mi mancano tutti, specialmente la maniera in cui ognuno mi ha aiutato, e anche per i grandi momenti e tutto il divertimento che abbiamo condiviso.
Ernesto e tutti gli studenti sono stati capaci di trasformare questo “semplice” workshop in un corso unico e speciale.
E’ stato un maestro meraviglioso mostrandomi la sua grande capacità di comprensione sia dei miei sforzi sia dei miei errori, sempre incoraggiandomi e dandomi ispirazione.
Conoscendolo meglio ho avuto il piacere di apprezzare non solo il grande fotografo ma anche l’uomo ed il poeta.
Ho potuto vedere come la gente, ed in modo particolare i bambini lì a Bahia, lo amano e come lui si senta vicino a loro. Ho anche avuto il privilegio di prendere parte all’editing delle fotografie di studenti con maggiore esperienza come Giorgio e Romain.
Voglio approfittare di questa opportunità per ringraziare Ernesto e tutto il resto del gruppo: Aliona per la sua dolcezza ed amicizia, Justin per i momenti divertenti che abbiamo condiviso e per essere sempre stato disposto ad aiutarmi, Giorgio e Romain per la loro gentilezza e generosità, G. per il suo buon umore e i suoi sorrisi quotidiani, e Silvana per avere condiviso la sua incredibile esperienza fotografica e la sua saggezza.
Adesso sto già facendo piani per ritornare a Bahia a seguire il mio secondo workshop con Bazan.

Giusi Storino

 



 

justin_meredith_final_bahia-1.jpgjustin_meredith_final_bahia-2.jpgjustin_meredith_final_bahia-3.jpgjustin_meredith_final_bahia-4.jpgjustin_meredith_final_bahia-5.jpgjustin_meredith_final_bahia-6.jpgjustin_meredith_final_bahia-7.jpgjustin_meredith_final_bahia-8.jpgjustin_meredith_final_bahia-9.jpgjustin_meredith_final_bahia-10.jpgjustin_meredith_final_bahia-11.jpgjustin_meredith_final_bahia-12.jpgjustin_meredith_final_bahia-13.jpg

® Justin Meredith

 

Mentre vedo arrivare la macchina di Israel durante la nostra ultima sessione fotografica un’ondata di emozioni pulsa dentro di me. La fine inevitabile di un’esperienza indimenticabile fissa il mio volto. Mi muovo affrettatamente fra i corridoi di questa fatiscente ex fabbrica improvvisata a rifugio per numerosi senza tetto cercando di trattenere le lacrime e per lo meno salutare questa famiglia di nuovi amici e la bella Bahia.
Il gruppo è come una bella fotografia: un allineamento di elementi diversi ed unici. Un collettivo di individui impegnati a voler scattare immagini interessanti ed ad incoraggiarsi mutuamente quando i dubbi incominciano a serpeggiare.
Questa esperienza non sarebbe stata possibile se non fosse stato per l’atteggiamento altruista di Ernesto nel suo insegnamento e nel processo fotografico.
Lo ringrazio per il suo reale sostegno e come esempio di leadership creativa.

Justin Meredith

 



 

mircea_albutiu_01.jpgmircea_albutiu_02.jpgmircea_albutiu_03.jpgmircea_albutiu_04.jpgmircea_albutiu_05.jpgmircea_albutiu_06.jpgmircea_albutiu_07.jpgmircea_albutiu_08.jpgmircea_albutiu_09.jpgmircea_albutiu_10.jpgmircea_albutiu_11.jpg

® Mircea Sorin Albutiu

 

l workshop con Ernesto ed i fotografi del gruppo 14 Quebras Molas a Bahia è stato molto intenso. Il fatto che Ernesto ci abbia fatto conoscere luoghi che conosce bene, mi ha dato la fiducia necessaria di scattare delle fotografie che non sono facili da fare se fai un viaggio da solo per dieci giorni in un paese straniero.
I commenti e le revisioni quotidiane mi hanno aiutato a capire meglio le sottigliezze della fotografia. Grazie ad Ernesto ed al gruppo 14 Quebras Molas.

Mircea Sorin Albutiu

 



 

romain_fournier_01.jpgromain_fournier_02.jpgromain_fournier_03.jpgromain_fournier_04.jpgromain_fournier_05.jpgromain_fournier_06.jpgromain_fournier_07.jpgromain_fournier_08.jpgromain_fournier_09.jpgromain_fournier_010.jpgromain_fournier_011.jpg

® Romain Fournier

 

Sono passate tre settimane da quando sono rientrato a casa e i ricordi di quest’ultimo viaggio a Bahia sono ancora freschi dentro di me. In qualche modo, mi sembra che questo ritorno dal Brasile mi abbia dato l’abilità di sentirmi onnipresente. Sebbene sia qui a Losanna scrivendo questa breve nota, sento di essere ancora lì a Bahia correndo con i ragazzini del movimento dei sem terra. Assieme camminiamo lungo un viottolo polveroso circondato da una vegetazione rigogliosa e dopo un po’ lentamente raggiungiamo la cima della collina. I bambini ridono, giocano, sembrano godersi questi momenti. Hanno tanta energia travolgente addosso, positivamente travolgente. Mi fermo per qualche momento, li guardo, abbasso la mia macchina fotografica. Guardando le loro espressioni, il loro linguaggio corporale, sento che sono molto orgogliosi di mostrarmi la loro terra. Ho a stento il tempo di riflettere sui miei pensieri che una ragazzina mi afferra la mano con forza e mi trascina nel turbinio di una corsa frenetica in discesa… è una follia totale… Jefferson mi supera a piedi scalzi e continua a correre… fino a quando improvvisamente si ferma! Una ragazzina raccoglie dei fiori… lui la limita… poi entrambi corrono verso di noi e ce li regalano…un momento veramente impagabile…
Sono nuovamente in Svizzera entusiasta di avere condivo questi istanti con tutti voi.
Grazie Ernesto per rendere possibili momenti come questi nei tuoi workshop.

Romain Fournier

 



 

Sylvana_Andrade_01.jpgSylvana_Andrade_02.jpgSylvana_Andrade_03.jpgSylvana_Andrade_04.jpgSylvana_Andrade_05.jpgSylvana_Andrade_06.jpgSylvana_Andrade_07.jpgSylvana_Andrade_08.jpgSylvana_Andrade_09.jpg

® Sylvana Andrade

 

“Un solo desiderio mi invade: di scoprire che si occulta dietro il visibile, di penetrare il mistero che mi da la vita e che me la toglie, e di sapere se una presenza invisibile ed immutabile si nasconde al di là del flusso incessante del mondo.” Nikos Kazantzakis

Il viaggio…

Il viaggio è stato interiore, e sebbene un’immagine esprima più di mille parole, questa volta il vissuto supera lo spettro del visibile. A Bahia lascio un pezzetto di me, la ricchezza rimane dentro il mio cuore riconoscente per cada minuto vissuto. Le emozioni ancora adesso creano un turbamento interiore, e nonostante ciò anche la risata, l’amore e la fortuna di vivere perdurano dentro di me, nella mia quotidianità come se fosse la prima volta che mi sporgo in quella strada vicino alla chiesa di Bonfin.
Il viaggio è stato interiore, ogni momento è stao corretto, mai prima, mai dopo.
Ringrazio infinitamente Ernesto per la sua pazienza e per la meravigliosa opportunità di condividere il viaggio e la sua visione della fotografia. Ai miei cari compagni del gruppo 14 Quebras Molas grazie per il vostro insegnamento, la vostra pazienza e joie de vivre.
A Christiani… il valore dell’amore è un regalo infinito, il mio cuore rimane assieme a te piccola bambina.

Grazie di cuore Ernesto! Non ci sono altre parole quando sono quelle corrette e si dicono con l’anima.

Sylvana Andrade

 


Torna alle gallerie 2012

Share