Galleria Orishas

Salvador de Bahia, Brasile 2011

Español       Ingles


 

birgit_vagani_01.jpgbirgit_vagani_02.jpgbirgit_vagani_03.jpgbirgit_vagani_04.jpgbirgit_vagani_05.jpgbirgit_vagani_06.jpgbirgit_vagani_07.jpgbirgit_vagani_08.jpgbirgit_vagani_09.jpgbirgit_vagani_10.jpg

® Birgit Vagani

 

Il mio amore per la terra brasiliana e la sua gente continua a crescere e più ritorno e più mi sento a casa mia. Le strade di Bahia ci danno un fondo colorato per i nostri incontri inaspettati. Ritornare negli stessi luoghi mi permette di sentire di incontrare vecchi amici, rivivendo memorie ed emozioni sotto una nuova luce. Con il progresso economico vengono cambi e le condizioni di vita migliorano e la speranza non muore mai. La luce è meno romantica e più onesta ma la bellezza nei sorrisi della gente continua. E’ stato un workshop con un gruppo speciale di gente. Voglio ringraziare Ernesto che ci ha condotto e ispirato costantemente. Voglio ringraziare anche i mie compagni di viaggio, Elena, che ho conosciuto per la prima volta e Paola e Kerim che avevo già conosciuto, per condividere l’entusiasmo. Ringrazio anche la gente di Bahia per averci fatto entrare nella loro vita. E’ stato meraviglioso poter continuare a costruire questo rapporto con tutti loro! 

Birgit Vagani

 



 

elena_lusenti_01.jpgelena_lusenti_02.jpgelena_lusenti_03.jpgelena_lusenti_04.jpgelena_lusenti_05.jpgelena_lusenti_06.jpgelena_lusenti_07.jpgelena_lusenti_08.jpgelena_lusenti_09.jpgelena_lusenti_10.jpgelena_lusenti_11.jpgelena_lusenti_12.jpgelena_lusenti_13.jpgelena_lusenti_14.jpgelena_lusenti_15.jpg

® Elena Lusenti

 

Un altro grande workshop pieno di momenti magici. Molti di loro sono stati forse troppo “grandi” per la mia macchina fotografica… Cachoeira e i villaggi circostanti sono sempre una grande sorpresa. Questa zona è una piccola gemma. Qui le radici e le tradizioni africane sono ancora così forti e così presenti. Svegliandomi ascoltando il rumore degli zoccoli dei cavalli e i canti dei fedeli provenire da una chiesa vicina mi hanno fatto spesso dimenticare dove mi trovavo e che anno fosse. I dieci giorni sono volati. Ogni giorno è stato speciale, ogni persona speciale, in una maniera tutta bahiana. Mi commuove moltissimo quando, come accade spesso nei piccoli villaggi bahiani, qualcuno a cui sei totalmente sconosciuto ti lascia entrare nella sua casa e ti da il benvenuto come se fossi un amico smarrito da tempo. E quando vai via ti dice sempre “Volte Sempre”, ritorna sempre. Ed io ritorno. Ci si vede presto Ernesto!

Elena Lusenti

 



 

kerim_ertug_01.jpgkerim_ertug_02.jpgkerim_ertug_03.jpgkerim_ertug_04.jpgkerim_ertug_05.jpgkerim_ertug_06.jpgkerim_ertug_07.jpgkerim_ertug_08.jpgkerim_ertug_09.jpgkerim_ertug_10.jpgkerim_ertug_11.jpgkerim_ertug_12.jpgkerim_ertug_13.jpgkerim_ertug_14.jpgkerim_ertug_15.jpgkerim_ertug_16.jpgkerim_ertug_17.jpg

® Kerim Ertug

 

Dopo il workshop di dicembre assieme ad Ernesto, ho sentito l’esigenza di ritornare per continuare questo viaggio magico a Bahia. Ritornare a Salvador è stata la giusta decisione per me. E’ stata una combinazione perfetta quella di rivisitare le famiglie che avevo conosciuto a dicembre e conoscercene di nuove nella campagna. Infatti ci ha permesso di trovare molti momenti magici carichi di emozioni. Durante le nostre avventure in campagna abbandonare la strada principale ci ha dato la possibilità di scoprire dei luoghi fantastici, abbiamo avuto la possibilità di sentire la vita afro-brasiliana nelle sua forma più pura. Non dimenticherò mai quella giornata quando ci siamo imbattuti in una scena magica dopo l’altra. Grazie Ernesto per un altro fantastico workshop! E grazie ad Elena, Brigit e Paola per la grande compagnia!

Kerim Ertug

 



 

paola_nalvarte_01.jpgpaola_nalvarte_02.jpgpaola_nalvarte_03.jpgpaola_nalvarte_04.jpgpaola_nalvarte_05.jpgpaola_nalvarte_06.jpgpaola_nalvarte_07.jpgpaola_nalvarte_08.jpgpaola_nalvarte_09.jpgpaola_nalvarte_10.jpgpaola_nalvarte_11.jpgpaola_nalvarte_12.jpg

® Paola Nalvarte

 

Che cosa significa avere l’opportunità di ritornare a fotografare nello stesso posto tante volte non poteva essere più chiaro dopo questo workshop. Ernesto costantemente sottolinea questo concetto nel suo insegnamento. Mi sono ritrovata nuovamente nella fabbrica di cioccolata, un luogo che mi ha sempre turbato. E ho visto cose che non avevo mai visto prima, ho avuto anche l’opportunità di condividere del tempo con i bambini davanti al mare blu che circonda le mura fatiscenti. Pero’ questa volta non ho avuto paura. Ho anche apprezzato molto la parte rurale attorno a Cachoeira, osservando la vita ancora legata alla natura. Il pomeriggio che più mi è piaciuto è stato quello piovoso quando tutti ci siamo riparati dentro la casa di mamà grande, una vecchia donna coraggiosa che vive con tutta la sua famiglia in una piccola casa. “La mia casa può risultare un pò piccola ma ci entriamo tutti” aveva detto. Quando è finita la pioggia l’abbiamo salutata con gratitudine e ci siamo commossi per la grande dignità con cui lei e la sua famiglia affronta la vita. Un’esperienza bella e indimenticabile. Ringrazio Ernesto per averlo reso possibile.

Paola Nalvarte

 


Torna alle gallerie 2011

 

Share