Galleria Mangia Mangia

Sicilia, Italia 2011

Español       Ingles


 

anna_kress_01.jpganna_kress_02.jpganna_kress_03.jpganna_kress_04.jpganna_kress_05.jpganna_kress_06.jpganna_kress_07.jpganna_kress_08.jpganna_kress_09.jpganna_kress_10.jpganna_kress_11.jpganna_kress_12.jpganna_kress_13.jpganna_kress_14.jpg

® Anna Kress

 

Da un punto di vista fotografico il workshop durante la settimana santa in Sicilia è una grande sfida. La ricchezza delle impressioni visive, acustiche ed emotive in aggiunta alle folle che spingono attirate dall’evento, creano elementi di distrazione e di disturbo per ogni fotografo che lotta nel trovare, isolare e catturare momenti, che, nelle parole di Ernesto, risultino in immagini infuse di anima e che vadano oltre ciò che vediamo in superficie. Sconvolta e in parte alienata, solamente negli ultimi giorni del workshop ho finalmente apprezzato e trovato il mio approccio fotografico in questo affascinante miscuglio, tipico specialmente nella famosa processione di 24 ore di Trapani: un melange di serietà e dignità, di scoppi di emozioni, in un’atmosfera in cui voler vedere ed essere visti, in un’invasione di fotografi e di personaggi coloriti come Gigi che giocano un ruolo importante ogni anno. Durante le sessioni di editing dove le immagini venivano mostrate ad Ernesto ed al gruppo, e che, nella maggior parte dei casi, venivano eliminate sulla base di non essere sufficientemente forti, era interessante vedere quanto sia difficile catturare “momenti magici” – e nonostante ciò, ognuno di noi è riuscito a sollevare la propria sbarra grazie alle critiche cortesi e oneste di Ernesto che insisteva che dovevamo guardare con maggiore attenzione. Tutto ciò è stato possibile grazie anche alla atmosfera piacevole creata da Ernesto, il suo assistente Carlo e il gruppo, e la nostra stessa motivazione, mutua ispirazione e duro lavoro. Il workshop mi è stato utilissimo a superare la mia paura di fotografare la gente aiutandomi a trovare una maniera personale di potermi avvicinare ai miei soggetti mantenendo sempre il muto rispetto mentre li fotografo. Tutto ciò ha contribuito ad una mia crescita fotografica personale che mi accompagnerà in futuro.

Anna Kress

 



 

giampiero_fiori_01.jpggiampiero_fiori_02.jpggiampiero_fiori_03.jpggiampiero_fiori_04.jpggiampiero_fiori_05.jpggiampiero_fiori_06.jpggiampiero_fiori_07.jpggiampiero_fiori_08.jpggiampiero_fiori_09.jpg

® Giampiero Flori

 

E’ il terzo anno che torno in Sicilia. Ogni volta provo a cambiare meta ed ogni volta Ernesto mi convince a tornare. Fare fotografia con Ernesto è sempre un esperienza intima, personale legata indissolubilmente alla grande serietà e fede che Ernesto mette nel suo lavoro. Più’ di altre volte mi rendo conto dell’importanza del lavoro di gruppo:  di quanto sia fondamentale  un occhio “esterno” nell’editing.. ma non solo nell’editing. Provare a raccontare qualcosa di se stessi, raccontando di altro…è questo il tentativo che ogni volta mi trovo ad intraprendere. Deve essere cambiato qualcosa in me quest’anno…se ad un tratto mi trovo a fotografare ombre e riflessi…con risultati imprevisti e curiosi. Mi piace pensare che ogni workshop introduca nuovi elementi di riflessione… nella fotografia e nella vita…

Giampiero Fiori

 



 

Ilaria_Barisi_01.jpgc90-Ilaria_parisi_02.jpgIlaria_Barisi_03.jpgIlaria_parisi_04.jpgIlaria_Barisi_05.jpgIlaria_Barisi_06.jpgIlaria_Barisi_07.jpgIlaria_Barisi_08.jpg

® Ilaria Barisi

 

Una delle esperienze più coinvolgenti di questo workshop è stata assistere alle processioni pasquali. Il richiamo ad un cattolicesimo corale e ancestrale ha suscitato, anche in uno spirito laico come il mio, emozioni profonde. Condividere questi 10 giorni con un gruppo di persone eterogeneo, sia per età che per nazionalità, è stato stimolante sia sotto il profilo fotografico che umano. Ernesto, con il suo carisma e la sua maestria nell’insegnamento, ci ha indirizzati in un percorso di comprensione e analisi della qualità delle immagini. Una vera e propria “rivoluzione copernicana”! Ernesto, grazie di tutto e a presto. 

Ilaria Barisi

 



 

c82-Juliann_Petkov_01.jpgc23-Juliann_Petkov_02.jpgc96-Juliann_Petkov_03.jpgc33-Juliann_Petkov_04.jpgc6-Juliann_Petkov_05.jpgc73-Juliann_Petkov_06.jpgc29-Juliann_Petkov_07.jpgc48-Juliann_Petkov_08.jpgc14-Juliann_Petkov_09.jpgc63-Juliann_Petkov_10.jpgc80-Juliann_Petkov_11.jpgc77-Juliann_Petkov_12.jpg

® Juliann Petkov

 

Questo workshop in Sicilia è stato il secondo che ho seguito assieme ad Ernesto, e come il primo a New York è stata un’esperienza bella e impegnativa. Posso vedere la maniera in cui il mio occhio si è sviluppato, e mi sento completamene fortunata d’essere riuscita a crescere con la guida paziente e severa di Ernesto e con il cameratismo trovato nel gruppo. La Sicilia mi ha aperto il suo cuore, mi ha invitato nelle sue animate cucine, mi ha aiutato mentre andavo all’indietro con la macchina fotografica appiccicata al mio viso, quasi investita dalla processione che veniva verso di me, e mi ha insegnato ad isolare i momenti, scatto dopo scatto. Le sessioni di editing di mezzanotte con la meravigliosa famiglia che il nostro gruppo è diventato, l’abbondanza di pane e formaggio, e le strade siciliane rimarranno sempre dentro di me mentre continuerò a vagare per strada alla ricerca di un momento. Grazie Ernesto, e grazie a tutti i miei amici. 

Juliann Petkov

 



 

kasia_chwalczuk_01.jpgkasia_chwalczuk_02.jpgkasia_chwalczuk_03.jpgkasia_chwalczuk_04.jpgc44-kasia_chwalczuk_05.jpgkasia_chwalczuk_06.jpgkasia_chwalczuk_07.jpgkasia_chwalczuk_08.jpg

® Kasia Chwalczuk

 

Caro Ernesto, Cari membri del gruppo Mangia Mangia, è stato un piacere avervi conosciuti. Per me questi dieci giorni sono stati un periodo speciale. Voglio ringraziare Ernesto e tutti voi per il vostro sostegno e per l’opportunità di guardare e di fare l’editing delle vostre fotografie che mi hanno veramente ispirato. Sento di aver appreso tantissimo dopo questi primi passi nel mondo della fotografia di strada. Ho avuto l’opportunità di concentrarmi solamente sulla fotografia e di condividere l’esperienza con un gruppo così ispiratore e interessante. Vale la pena menzionare che anche durante il nostro tempo libero mi sono divertita tantissimo. Ringrazio Betsy per avermi incominciato a farmi apprezzare le nature morte. Tutte le foto che ho visto durante questo workshop rimarranno impresse nella mia testa per tanto tempo. Grazie a tutti per questa esperienza unica e spero di rivedervi uno di questi giorni. 

Kasia Chwalczuk

 



rosario_lopresti_01.jpgrosario_lopresti_02.jpgrosario_lopresti_03.jpgc56-rosario_lopresti_04.jpgrosario_lopresti_05.jpgrosario_lopresti_06.jpgrosario_lopresti_07.jpgrosario_lopresti_08.jpgrosario_lopresti_09.jpg

® Rosario Lopresti

 

Se stai guardando queste fotografie e sei ancora incerto se iscriverti a questo workshop il miO consiglio é: iscriviti! La Sicilia, le processioni, il modo di lavorare di Ernesto rimaranno tra i ricordi belli della mia vita. Durante i dieci giorni si crea il vero spirito del workshop! Si lavora sodo, ogni mattina si rivedono le foto scattate il giorno prima e ogni giorno si prova a mettere in atto i consigli di Ernesto! Ma preparatevi Ernesto non fa sconti; ogni fotografia la guarda con attenzione e se siete come me alle prime armi vedere accettata una foto lo dovrete considerare un gran successo.

Rosario Lopresti

 



 

stan_raucher_01.jpgstan_raucher_02.jpgstan_raucher_03.jpgstan_raucher_04.jpgstan_raucher_05.jpgstan_raucher_06.jpgstan_raucher_07.jpgstan_raucher_08.jpgstan_raucher_09.jpgstan_raucher_10.jpgstan_raucher_11.jpgstan_raucher_12.jpgstan_raucher_13.jpgstan_raucher_14.jpg

® Stan Raucher

 

Guardare, vedere, sentire, raffinare, ridefinire, sempre mettendo l’asticella un più in alto che il giorno prima, eliminando ogni attaccamento alle immagini più deboli per produrre un piccolo ma forte corpo di lavoro, questo è ciò che significa seguire un workshop con Ernesto Bazan. Ma è molto più di ciò. Il magnifico gruppo di partecipanti e la condivisione di questa compagnia, le risate, le opinioni, l’essere d’accordo e in disaccordo, cibo e vino hanno portato l’esperienza ad un livello più alto. Mille grazie Ernesto, Carlo e Juan e a tutti i miei amici e compagni di viaggio per aver reso questo workshop di Pasqua in Sicilia un’esperienza straordinaria.

Stan Raucher

 



 

tony_melvin_01.jpgtony_melvin_02.jpgtony_melvin_03.jpgtony_melvin_04.jpgtony_melvin_05.jpgtony_melvin_06.jpgtony_melvin_07.jpgtony_melvin_08.jpgtony_melvin_09.jpgtony_melvin_10.jpgtony_melvin_11.jpgtony_melvin_12.jpgtony_melvin_13.jpgtony_melvin_14.jpg

® Tony Melvin

 

Se volete poteva essere stata solo un’esperienza fotografica. Ma per me è stata una maniera di ricongiungermi con me stesso, con gli altri, e con l’ambiente circostante. Ho imparato che se potevo mettermi in comunicazione con questi tre elementi, forse, solamente forse, il mio cuore si sarebbe aperto sufficientemente per vivere e catturare decisivamente alcuni momenti. Il workhop in Sicilia mi è servito per ricollegarmi alle mie radici e a condividere questa esperienza con un gruppo meraviglioso di persone. Ridendo, mangiando e spingendo noi stessi fisicamente, emotivamente, e fotograficamente. Ringrazio tutti per l’esperienza. Amore e luce.  

Tony Melvin

 



 

umit_okan_01.jpgumit_okan_02.jpgumit_okan_03.jpgumit_okan_04.jpgumit_okan_05.jpgumit_okan_06.jpgumit_okan_07.jpgumit_okan_08.jpgumit_okan_09.jpgumit_okan_10.jpgumit_okan_11.jpgumit_okan_12.jpgumit_okan_13.jpgumit_okan_14.jpgumit_okan_15.jpgumit_okan_16.jpgumit_okan_17.jpgumit_okan_18.jpg

® Umit Okan

 

Prima di iscrivermi al workshop in Sicilia, ero un poco esitante perchè mi sembrava che il workshop fosse concentrato solo sulle processioni. Dopo il mio primo workshop con Ernesto in Brasile, mi mancava tantissimo Bahia e volevo ritornarci prima possibile. Ma Ernesto mi ha invece persuaso a venire in Sicilia. Posso dire adesso che aveva perfettamente ragione! La Sicilia è stata molto di più di una semplice esperienza fotografica. Dopo tutto, è stata un’indimenticabile esperienza culinaria e di vita! (Il sapore degli incredibili cannoli è ancora nella mia bocca). Ritornando a casa, stavo già pianificando di ritornare il prossimo anno in questa terra di gente bella. Ritengo di essere cresciuto molto fotograficamente durante questo workshop, che è stato molto impegnativo sia fisicamente sia fotograficamente. Devo ringraziare l’entusiasmo, la dedicazione e la leadership ispiratrice di Ernesto. Ringrazio anche tutti i miei compagni di corso da cui ho appreso tante cose. Sono contento di avere fatto molte amicizie. Continuo ad ascoltare l’emotiva musica sacra e grido:”A postoooo!!!” …L’unica cosa che posso fare è attendere fino al prossimo anno. .

Umit Okan

 



 

willem_kuijpers_01.jpgwillem_kuijpers_02.jpgwillem_kuijpers_03.jpgwillem_kuijpers_04.jpgwillem_kuijpers_05.jpgwillem_kuijpers_06.jpgwillem_kuijpers_07.jpgwillem_kuijpers_08.jpgwillem_kuijpers_09.jpgwillem_kuijpers_10.jpgwillem_kuijpers_11.jpgwillem_kuijpers_12.jpgwillem_kuijpers_13.jpg

® Willem Kuijpers

 

Dag allemaal, hallo alle, witam wszystkich, ciao a tutti, hello to all, merhaba tüm, hola a todos, Adesso sono nuovamente al lavoro nello studio, ma la mia testa e la mia mente sono ancora occupate digerendo il workshop… Per me è stata una settima bellissima con un grande gruppo di persone dove ognuno ha rispettato gli altri. Com Umit… il maestro di come fare entrare in comunicazione la gente…(Sto ancora cercando di trovargli un nomignolo), l’esuberante risata di Ilaria e Giampiero, il grande accento italo-americano di Rosario, l’unico vero god-father e naturalmente la prima colazione di Rosa. Ma il momento supremo è stato essere baciato da Gigi… Prima di venire al workshop, avevo seri dubbi se avrei dovuto seguire lo stesso workshop una seconda volta. Mi chiedevo se sarebbe stato meglio seguire da solo altre processioni in Sicilia. Il tutto era anche motivato dal fatto che ero già stato diverse volte alle processioni dei misteri di Trapani. Alla fine, sono contento di aver preso la decisione azzeccata e adesso capisco quanto sia importante essere con un gruppo di persone con un background, nazionalità e visioni diverse, tutti uniti con l’aiuto del carismatico Ernesto (sebbene abbia avuto qualche problema con il suo temperamento italiano… specialmente quando ero in ritardo.) Questo è stato il terzo workshop assieme a Ernesto, e senza voler sminuire gli altri due corsi anche il migliore. Arrivederci e a presto.

Willem Kuijpers

 


Torna alle gallerie 2011

 

Share