Galleria 9 Samurai

Valle Sacre, Perù 2019

Español       Ingles


 


 

® Alexander Rehorovsky

 

Caro Ernesto, avevi proprio ragione quando mi hai scritto che sarebbe stato molto più di un semplice workshop fotografico. Mi è piaciuto fino all’ultima goccia, il tuo insegnamento, la tua gentilezza, il programma così intenso, la cordialità della gente del posto, le lunghe passeggiate nell’aria rarefatta, l’amicizia del gruppo, le sessioni di editing e i futuri libri che nasceranno, il rituale inaspettato della cerimonia di Temazcal, il cibo e il single malt, le feste di carnevale… vedere apparire improvvisamente gli uomini delle montagne trasformati in uccelli bianchi correre a tutta velocità dalla nebbia dell’orizzonte a 4500 metri mi è sembrato veramente surreale… sono stati soprattutto i momenti semplici, con le famiglie, i pastori, i loro figli, nelle loro case tra le nuvole che per me hanno trasformato l’esotico in magico. Sto riportando a casa così tanto con me. Grazie Ernesto, grazie Patty, Giorgio, Milton, Calvin, Juan, Francesco e Xan. Spero di vedervi di nuovo.

Alexander Rehorovsky

 


 


 

® Calvin Chen

 

Il nostro amico Xan ci racconta una storia di un uomo che ha incontrato durante i suoi viaggi. Stavano guardando il grande cielo e l’uomo si volta verso Xan e gli chiede… “Da dove vieni… c’è la luna?”

E con quell’unica domanda, tutto ad un tratto il mondo è diventato più magico per me. Il nostro viaggio è composto da tanti momenti come questo, piccoli silenziosi e magici che ti fanno contemplare la vita e apprezzarla a un livello diverso.

In un certo senso si ha a che vedere con la fotografia. Ma le fotografie sono una ricerca di qualcosa di più alto, un riflesso di noi stessi, di cose più grandi di noi.

Porterò con me tutti questi momenti… Lo splendido progetto di Juan del Messico, l’incredibile libro di Giorgio di prossima pubblicazione, l’uso commovente del colore di Milton, la riserva segreta di whisky di Alex, l’infinita scorta di alcol non segreta di Patty, lo stile di Xan che ancora mi deve pagare, e l’incredibile leggerezza dell’essere di Francesco.

Grazie Ernesto per aver unito questi Samurai. Siamo tutti rinati.

Clavin Chen

 


 


 

® Francesco Pavia

 

Eccoci sulle montagne peruviane, in un incredibile gruppo internazionale! Un’esperienza che rimarrà nel mio cuore, della vita reale, i contadini e la loro ospitalità inesprimibile, il potere della natura e i rituali millenari.
La valle sacra è un luogo magico e le aree rurali sono di una bellezza incontaminata.
Il montaggio rigoroso e condiviso risparmiava solo le fotografie che riescono ad avvicinarsi alla poesia, o come direbbe Ernesto, “che vanno oltre“ la realtà.
Il workshop è anche piacevolmente gastronomico, quindi non pensate di tornare ia casa magri!

Francesco Pavia

 


 

 
 

® Giorgio Negro

 

Settembre 2005, Cuzco, Peru. Inizia un’avventura, un viaggio, una storia d’amore con la fotografia e con un continente che come nessun altro mi attira e allo stesso tempo mi mette a disagio come uno specchio che riflette i lati oscuri della mia anima. Inizia anche un’amicizia che andrà oltre la fotografia.
Febbraio 2019, Cuzco, Peru, di nuovo…. Il viaggio si detiene per un istante, l’amicizia si è trasformata in tante amicizie, tanti straordinari fotografi, alcuni dei quali, riuniti attorno ad un tavolo a Pisaq, con passione e dolcezza mi aiutano a realizzare un sogno. Nasce “Pathos”, il mio libro, figlio di questi 14 anni passati cercando qualcosa che non si vede, ma che sta lì, sotto la superficie delle cose banali, nascondendosi ai nostri occhi sempre più frettolosi e timorosi di scoprire che esistono gioia e dolore dove meno ce lo aspettiamo.
14 anni di workshops e molti viaggi da solo o con amici. Un sogno che a Cuzco è diventato un oggetto reale, con una copertina e 140 pagine.
Ma il viaggio continua, il sogno continua, non mi sveglierò più. Grazie Ernesto. Grazie Dario, Juan, Alexander, Calvin, Francesco, Milton, Patty, Xan e a tutti coloro che hanno sognato con me.

Giorgio Negro

 


 


 

® Milton Zambrana

 

Più profonde… più intense… le amicizie … le esperienze… come il cibo semplice che ci viene servito e servito sopra i 4000 metri… ci nutre tutti e in qualche modo ci lega tutti insieme. Con il passare dei giorni ci sentiamo ancora più vicini e, come sempre, si versano alcune lacrime. Il dolore della salita è sentito nella profondità dell’anima, ti fa stare male vedere tanta bellezza e rendersi conto di quanto possa essere dura la vita a volte… Festeggiamo attorno ad un albero che alla fine viene abbattuto e sudiamo tutti insieme nel grembo della madre Terra. Ho sentito qualcuno dire “grazie” per aver cambiato la direzione della stessa vita… la fotografia fatta in questo modo può farlo… può alterare un percorso… può alterare come e cosa vedi. Personalmente, scatto meno e mi sento ricompensato per averlo fatto… mi sento sempre integro qui. Le sessioni di editing giornaliere sono difficili, il livello è alto come sempre e la guida sottile di Ernesto è sempre nitida e mirata. Ernesto, Juan, Patty, Xan, Giorgio, Calvin, Francesco e Alexander … i miei fratelli… camminare fra voi, vedere il vostro lavoro e avere un senso della vostra umiltà è stato un privilegio che porterò sempre con me. Lunga vita ai samurai!

Milton Zambrana

 


 


 

® Patty Dada

 

Una ricca cultura tra montagne magiche, un workshop che ha superato tutte le mie aspettative (avevo già partecipato al workshop Vita e alla Morte in Oaxaca, che è stato infinitamente meraviglioso), colleghi che hanno imparato enormemente… grati all’universo per il momento che condividevamo. Momenti davvero indimenticabili.
Questo workshop non riguardava solo la fotografia; è terminato in un’esperienza molto arricchente in tutti i sensi. Calvin, ho imparato molto da te solo osservandoti. Sei una persona con qualità enormi e molto generosa. Milton, il modo in cui interagisci con le persone è, per me, un esempio da seguire e le tue fotografie sono un piacere. Francesco, mi è piaciuto stare con te. La tua energia era magica, mille grazie!
Juan, Xan e Giorgio la vita ci ha dato ancora una volta l’opportunità di incontrarci e di rendere la nostra amicizia sempre più profonda. E’ un tesoro che l’universo mi ha dato. Grazie per avermi ispirato così tanto. Vi amo così tanto.
Ernesto, a te tutta la mia gratitudine; Non puoi immaginare quanto mi hai aiutato a crescere. Namaste. Spero di averti come insegnante in molte altre occasioni; spero che la vita ci riunisca nuovamente.

Patty Dada

 


 


 

® Xan Quintana

 

La magia accade, a volte… e questa volta è successo… nuovamente!
Questa volta è stato in Perù; le nebbiose montagne andine ospitano una delle più affascinanti culture ancestrali: gli Incas.
In questa cornice unica, un gruppo di anime affettuose si sono riunite attorno ad un eccezionale maestro di cerimonia.
La fotografia era di nuovo la scusa, ma un’altra esperienza di vita è nata in tutto questo ambiente.
E appena arrivati, siamo saliti in alto sulle montagne, dove non c’è quasi aria; per assistere a una cerimonia ancestrale, uomini vestiti come uccelli corteggiavano le donne dei villaggi vicini. Un’esperienza da non dimenticare.
Un altro giorno c’è stata una colorata festa di carnevale in cui gli alberi erano vestiti a festa, con palloncini che volavano intorno, mentre i locali vestiti con i loro migliori costumi danzavano e cantavano andando in cerchio.
O un altro giorno, era questo remoto villaggio dove ci siamo imbattuti in questa famiglia con bambini che giocavano con “noi, gli astronauti” che erano venuti dallo spazio lontano per condividere con loro alcune ore di un incontro indimenticabile.
E indimenticabile è stata anche la cerimonia di Temazcal che abbiamo condiviso durante la luna nuova. Un modo di rinascere di nuovo in qualcosa di nuovo…
Ma nel complesso la magia si è resa possibile grazie ad un eccezionale gruppo di Esseri Umani, che condividendo questa passione per la fotografia, e condividendo un rispetto, gratitudine e gioia per la vita…
E, naturalmente, nulla di tutto ciò sarebbe possibile senza la conoscenza, l’esperienza e la sensibilità di una guida eccezionale, che conosce profondamente il luogo e la cultura e nel complesso sa come ottenere il massimo da ognuno di noi (fotograficamente e umanamente) in un modo molto gentile e generoso…
Grazie Ernesto. Ogni volta che vado in uno dei tuoi workshop, sento di fare un passo avanti non solo fotograficamente, ma di imparare molto sulla vita stessa. Spero che la vita ti restituisca un po’ di quello che ci stai regalando.
E grazie anche ai miei “camarades”, con i quali ho condiviso risate, silenziosi pensieri, single malt e la cui solidarietà e il cuore caldo hanno nutrito il mio. Le vostre immagini belle e sentite mi motivano a continuare a provare ancora di più questo stile di vita che si chiama fotografia…
Gracias amigos! Grazie per la magia¡

Xan Quintana

 


Torna alle gallerie 2019

 

Share